Vengo dal night – Dino Sarti

Vengo dal nightMolti, molti anni fa durante un concerto, Mingardi se ne usci’ con la giusta constatazione che in Italia l’unica musica dialettale vendibile e’ quella napoletana, romana, un po’ quella milanese e se  il dialetto emiliano-romagnolo non passava, la colpa era da attribuirsi esclusivamente alle mazurche di Casadei che col suo liscio aveva fossilizzato un’intera regione. Vero.
Mingardi ne sa qualcosa col suo decennale tentativo di sdoganare il dialetto e altrettanto si puo’ dire di Dino Sarti, campione di una bolognesita’ non del tutto sparita anche al giorno d’oggi, per quanto a girarla Bologna, non si direbbe.
Sono nato tra Modena e Bologna e pur essendo giuridicamente ed emotivamente modenese, dalle mie parti sento un vivo campanilismo non ossessivo ma ben presente tra le due province.
Bologna e’ per me un po’ terra straniera e una scoperta successiva all’adolescenza ma non per questo non mi sento a casa tra le vie antiche e sempre un po’ da paesone che periodicamente mi piace visitare.
Conobbi Dino Sarti, artisticamente parlando s’intende, da bambino nei suoi anni clou, quelli in cui sapeva raccogliere in Piazza Maggiore quarantamila persone e quando per radio "Viale Ceccarini, Riccione" era un tormentone.
Poi crescendo, mi sono bevuto anche la fesseria dell’essere mitteleuropei e di Sarti non e’ rimasto che un antico ricordo. Fortunatamente ho smesso di crescere e ho iniziato ad invecchiare, potendo quindi recuperare certi ricordi e certi personaggi tra i quali Sarti qui nelle vesti di scrittore e che scrittore.
In "Vengo dal night" ripercorre la sua infanzia, la sua storia e con essa quella di Bologna la sua citta’, legame indissolubile, imprinting che plasma carattere ed atteggiamenti innanzi ai fatti grandi e piccoli che caratterizzano le scelte di ognuno e nondimeno e’ il racconto della musica italiana dal dopoguerra sino alla fine degli anni ’70 con la scena bolognese a farla da padrona ma passando inesorabilmente per Milano e Roma, due fuochi attorno ai quali si e’ fatto e disfatto il pop italico.
Sarti e’ strepitoso nel raccontare e raccontarsi. Verve da grande umorista, ha nelle dita i giusti ritmi, le giuste cadenze, le frasi ad effetto che sterminano la nostalgia retorica a favore di un racconto che diviene favola, una piccola leggenda sui tempi, neppure cosi’ lontani, che furono.
Brillante. egli sa catalizzare l’attenzione e serve darsi uno stop per interrompere una lettura che in certi momenti appassiona come i racconti del piu’ sgamato della compagnia quando si sta attorno ad un tavolo col vino che sfuma i sensi e abbassa le resistenze.
C’e’ anche la nostalgia di antichi ricordi e’ vero ma passa svelta in secondo piano quando le disavventure di Sarti assumono i toni universali di chi sa accontentarsi di una vita che comunque vada, puo’ anche essere divertente.
Meno allegra la sua scomparsa nel 2007, dimenticato da troppi, specie nella sua citta’ ormai in mano a chi l’ha distrutta sotto il peso di una tragica promiscuita’ perdendo in un sol colpo un grande artista e un pezzo irrecuperabile di storia.
Purtroppo per lui, Sarti non era del giro giusto e non aveva i giusti "amici" altrimenti sai gli onori, i monumenti, gli speciali nelle pagine della cultura ma leggerlo e parlarne ora assume anche il senso di un omaggio e voler porgere il massimo rispetto ad un uomo che ha avuto tanto ma non abbastanza, un ricordo che vuole essere anche un invito a recuperare la sua figura e la sua opera.

Advertisements

8 Responses to Vengo dal night – Dino Sarti

  1. Pingback: Vengo dal night – Dino Sarti | Hotels-Riccione.com

  2. Pingback: Permette un ballo, signorina? – Andrea Mingardi « Ultima Visione

  3. Pingback: Jazz Band – Pupi Avati « Ultima Visione

  4. Giuseppe Sansonetti says:

    Sono un’instancabile ammiratore di Dino Sarti …. Nel 1974 ho aiutato a montare il palco di
    piazza Maggiore 1^ edizione …… Vorrei sapere chi ha scritto la recensione “VENGO DA NIGHT”
    Grazie.

    • Ho scritto la recensione perché anche io ammiro Sarti come uomo e come artista, inoltre questo libro e’ divertente come pochi altri, specialmente se si conoscono luoghi e situazioni.
      A questo proposito segnalo a te e a tutti gli amici di Bologna che la settimana scorsa ho visto una copia di “Vengo dal night” ad un ottimo prezzo alla libreria “Nanni” negli scaffali esterni.
      Presto su queste pagine l’altro libro “Il tango e’ imbecille?”
      A presto!
      Max Scordamaglia

  5. Ciao! qualcuno puo’ aiutarmi? sto cercando il primo cd del doppio di Dino intitolato NATALE CON DINO, i bimbi me lo hanno distrutto…. nel caso la mia email e ‘ simone @ email.it ringrazio di cuore, ps: ho provato ovunque, biblioteche, negozi on line (esaurito da anni) e negozi a Bologna, nessuno l’ha piu’ nonostante fosse un cd doppio del 2005. allego la copertina, magari qualcuno l’ha e non se ne ricorda.. si sa mai… a me e’ rimasto solo il cd 2, mi manca il primo. E del cd 2 che posseggo c’e’ l’introvabile canzone FOSSA MERZA!! bellissima… saluti a tutti e grazie

    • Appoggio con passione la tua richiesta, sperando che il tuo appello non caschi nel vuoto.
      Purtroppo per te ma non per me, ho diversi album di Sarti ma solo su vinile, ti prometto pero’ che mi metto in caccia!

  6. Pingback: Il tango e’ imbecille ? – Dino Sarti | Ultima Visione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: