Resident Evil: Afterlife – Paul W.S. Anderson

Resident Evil - AfterlifeSi fa presto a dire film di serie B e si fa presto a dire regista scadente. Tralasciando la spocchia di chi spara certe sentenze, di solito anime tristi dall’alito al salame, che come topi trovano rifugio nel buio di cinemacci con la solita palla iraniana in retrospettiva dove anche la pellicola ha un sentore caprino, essere un buon regista e’ da relazionarsi al materiale che hai a disposizione.
Intanto Paul W.S. Anderson e’ il regista di "Punto di non ritorno" il piu’ formidabile fantahorror dai tempi di "Alien" e a questo proposito, "Alien vs. Predator" non sfigura affatto con le saghe di entrambe gli alieni.
Che se ne dica "Mortal Kombat" e’ ben fatto e divertente e dato il soggetto di partenza, ha fatto miracoli, fino ad arrivare alla saga di "Resident Evil" che continua perche’ appassiona e diverte. Se poi c’e’ intelligenza, tecnica e conoscenza della materia, personalmente non chiedo altro.
Per farla breve, sara’ che siamo quasi coetanei, sara’ che immagino sia uno di quei tizi con cui si parla per ore e ore di cinema, videogames e fumetti ma a me Anderson sta simpatico.
Non sto a spiegare troppo della trama e del resto essendo il quarto capitolo della saga e’ difficile partire da qui seppur si possa riassumere che continua la lotta tra Milla Jovovich/Alice e la Umbrella Corporation, colpevole di aver infettato l’intero pianeta con un virus che zombifica gli esseri viventi.
Questa volta si ritrova a Los Angeles con pochi sopravvissuti e la speranza di essere salvati da qualcuno che sta inviando un misterioso messaggio proveniente da Arcadia.
Bel film, davvero girato molto bene. Non deve essere facile inventarsi sempre qualcosa di nuovo eppure Anderson ci prova e dove non crea, espande il concetto. Ad esempio e’ da Matrix che non vedo un bullet time cosi’ originale e ben fatto ma le citazioni si sprecano tirando in ballo "Matrix" a man bassa, "Alien", "Lost in space", "The Island" e ancora "Terminator", "Silent Hill", "Mission: Impossible II", "Il silenzio degli innocenti" perche’ no e poi telefilm come "Prison Break" (grazie Elisa per la segnalazione) e una buona dose di "Left 4 dead", giusto per dar spazio ad altri media e diciamocelo, chi ha un pizzico di geek nel sangue, si divertira’ come un pazzo a trovare collegamenti e relazioni con altri film o quant’altro e se cosi” non fosse ce n’e’ per tutti lo stesso.
Il cinema e’ un’arte, imprescindibile dal risultato finale. Piace, appassiona e il resto lo lasciamo agli amanti dei salumi.

Scheda IMDB

One Response to Resident Evil: Afterlife – Paul W.S. Anderson

  1. Pingback: Resident Evil: Retribution – Paul W.S. Anderson | Ultima Visione

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: