Robot 05 Festival – Bologna 13-10-2012

Nella centralissima Piazza Maggiore a Bologna, protetto dall’imponente Nettuno, si e’ svolto il Robot Festival, manifestazione-evento giunta ormai alla sua quinta edizione. Noto e Sakamoto hanno aperto le danze il 27 Settembre e la giornata del 13 Ottobre ha visto la conclusione con diversi live, performance e DJ set, ben distribuiti nel corso della serata dando modo di assistere a diversi eventi.

Alessio Ballerini
Alessio Ballerini - Robot 05 - 2012-10-13-miniRivedo Ballerini con grande piacere a distanza di un anno dall’esperienza del Node Festival 2011 anzi la sua presenza e’ stata decisiva per la mia partecipazione alla serata. "Natura e la sua trasformazione fuori sincro" e’ un lavoro stupefacente in semplicita’ e completezza e come da programma Robot Festival ero oltremodo felice di tornare ad assistere alla performance, finche’ sorpresa gradita, viene invece presentata "The 5 states of nature".
Nella diversa struttura narrativa si riconosce l’impronta dell’autore, medesima concezione di simbiosi audio / video che crea legami attraverso la separazione, fedele ancora una volta al Chion-pensiero, asincronicita’ ancor piu’ in evidenza nel contrasto con la danza in video di Simona Borghese, proiezione di tempo in spazio, gesto che diviene segno nell’accompagnamento elettroacustico di Ballerini che in questo distacco immerge suggestioni e spazi profondi, incluso il concretismo del pubblico che indirettamente riconduce ad un certo Cage.
Misticismo di una lunga danza dal respiro di un cosmo lontano. Sempre emozionante.

Alice
Alice - Robot 05 - 2012-10-13 miniApproccio il live con la placida tranquillita’ di chi ha solo da guadagnare da una performance che capita tra le mani quasi per caso e la sorpresa e’ enorme quando un connubio impossibile tra DJ, contrabbasso ed elettrorumorismo, campioni, theremin, clavietta tra i tanti, gusto per dare un senso alla faccenda.
Progetto tutto italiano che partendo dalle immagini miscelate delle tante trasposizioni cinematografiche di "Alice nel paese delle meraviglie", tesse un commento audio che vive senza difficolta’ di luce propria, per quando la stratificazione video che si somma alla musicale, aggiunge fascinazione all’intero progetto. Colonna sonora senza interruzioni eppure ben separata nei suoi segmenti, e’ un ritorno all’antica idea di concept album con la curiosa prerogativa di immagini che scansionano il suono e non viceversa come di solito accade ma ripeto, la forza e’ nell’insieme degli incastri eterogenei degli strumenti. Merito di ognuno dei tre strumentisti, Giorgia Angiuli, Jamaica De Marco e Francesco Angiuli che al basso sfoggia anni di esperienza e doti non comuni di musicista esperto e di talento.
Da annotare e seguire ad ogni costo.

Plaid
Plaid - Robot 05 - 2012-10-13 miniSi arriva quindi al clou della serata, almeno per cio’ che mi riguarda.
I Plaid, duo inglese che dai primi anni ’90 sono saliti sul non tanto capiente carro dell’ondata elettronica europea. E’ verso la seconda meta’ dell’ultimo decennio del secolo scorso che imparo a conoscerli e da allora non ho smesso di seguirli sempre con estremo interesse. Trovo in loro una costanza ed un respiro talmente ampio da fargli superare mode e tendenze e nel contempo abbracciare ogni declinazione che il genere permette, laddove etichette diverse come IDM, ambient, elettronica non sono sintomo di incoerenza bensi’ di poliedrico eclettismo. L’esperienza conta eccome e si sente sin dai primi secondi.
Tutto quanto e’ doppio, duplicato ma non sovrapposto, nuovi pattern e bassi profondi del tempo che fu, esplosioni subsoniche che bruciano nella grande caldaia del ritmo. Che la loro musica sia frutto di nuove sonorita’ immerse nel grande passato lo si evince nel susseguirsi dei brani, ben caratterizzati dal tempo trascorso eppure affatto discontinui tantomeno contrastanti. Piccolo viaggio non nostalgico ma pieno di speranza per anni a venire carichi di eccitanti novita’ all’insegna dell’esperienza.

Francesco Tristano
Francesco Tristano - Robot 05 - 2012-10-13 miniArrivati al main event della serata, confesso una curiosita’ quasi spasmodica nel voler assistere alla performance dell’enfant prodige lussemburghese. Nemmeno venti anni e gia’ primo pianoforte dell’Orchestra Nazionale Russa, non rinnega il suo talento esibendosi in concerti e rappresentazioni ma nel contempo non da’ un calcio alla sua giovane eta’, iniziando collaborazioni all’interno dell’ambient e del chillout fino alla trance piu’ nevrotica.
Non ci giro attorno: una delusione. Mi ero preparato all’esibizione ascoltando alcuni suoi lavori da studio, sia in ambiti piu’ tradizionali che cimentandosi in prove piu’ moderne e confesso di non essere rimasto impressionato, non scontento ma nemmeno sbalordito dalle sue doti di musicista ed esecutore. Dal vivo invece la delusione e’ stata completa e totale. Trovo che sprecare tanto talento per risultati tanto minimi sia un vero peccato, laddove poco o nulla funziona a partire dai pattern cosi’ noiosi che nemmeno la piu’ bieca acid-house ci aveva fatto sentire, passando per arrangiamenti spesso improvvisati ed altrettante volte sbagliati, campioni che partono malamente e altrettanto malamente interrotti, volumi sballati, sequenze insensate e persino errori di tempo nell’esecuzione il che su quattro note ripetute sino allo sfinimento, mi pare davvero troppo. Il ragazzo pero’ si divertiva molto e del resto quando hai un pubblico acritico addestrato ad esultare al solo accenno di un tunz-tunz, forse puoi anche accontentarti.
Qualcosa e’ andato terribilmente storto e l’unica ragione per la quale vale la pena continuare a seguirlo e’ perche’ davanti ad egli si spera e si suppone, vi sia ancora una lunga e interessante strada da percorrere. Non altro.

Robot 05 YouTube playlist

One Response to Robot 05 Festival – Bologna 13-10-2012

  1. Ricevo un’importante precisazione da Alessio Ballerini in merito alla sua performance che pubblico volentieri:
    “…il video che ho presentato è comunque “Natura e sua trasfig.” e non “The5statesofnature”. In pratica “Natura e sua trasfig…” prevede anche l’alternarsi di video e audio, insomma basta prendere un video e musicarlo per ottenere il matrimonio forzato di chion. Al Robot ho proiettato la versione a colori di “The5statesofnature” e solo per fruizione live, difatti quest’ultimo sarà presentato sempre a Bologna per la prima volta durante la mia mostra personale presso la galleria adiacenze di bologna a dicembre. è un lavoro diverso da quello che utilizzo per la performance, dura anziché 40min, 18 minuti, non è a colori ma in bianco e nero e il montaggio è differente..con parti che nel video live non trovi.”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: