La scena immateriale – Vari (Angela Ferraro, Gabriele Montagano)

La scena immaterialeTalvolta mi piace leggere testi del passato che trattano problematiche gia’ risolti da tempo e storia. Dipendera’ che alla stregua di una retta passante per due punti, passato e presente, pilotano un vettore dal quale ottenere indicazioni su direzione e velocita’ per meglio comprendere il futuro. 
In certo casi poi e’ divertente tornare con la memoria in anni di patemi e dubbi, confrontarsi con quanto si pensava a quel tempo e riuscire a distinguere il falso profeta o altrimenti detto "emerito imbecille", dall’illuminato che ha saputo comprendere l’evolversi della storia e delle genti che la vivono.
Un testo del 2000 che raccoglie scritti e articoli sull’impatto delle nuove tecnologie, e’ particolarmente interessante perche’ quelli furono anni nei quali le carte di un gioco ancora da comprendere appieno erano gia’ sul tavolo e i veggenti dei media si sprecavano, riducendo talvolta un’analisi necessariamente antropologica a sfida calcistica da bar.
Saranno passati una dozzina d’anni ma sono stati anni pesanti e se nel decennio precedente ha visto il PC trasformarsi da strumento di lavoro al limite dell’esoterico a strumento di massa, internet ha condotto finanche l’ultimo degli utilizzatori, in un mondo totalmente nuovo e ancora per la gran parte sconosciuto. 
Basta la prefazione per proiettare in pieno Zeitgeist da nuovo millennio, riprendendo il curioso e illusorio trend dell’epoca che cyberspazio, termine grazie a Dio in disuso, fosse un luogo eccitante e pericoloso popolato da strana gente come visto in "Johnny Mnemonic" o nel nostro pacchiano "Nirvana".
Conferenzieri altrimenti disoccupati, davano a bere che la lotta per l’informazione sarebbe stata vitale e decisiva e del resto il cretino che ancora oggi prevede la fine della liberta’ in internet e’ a sempre a piede libero malgrado sia provato che chiunque possa esprimere, scrivere, inventare e creare ogni forma d’arte immaginabile, riducendosi invece a condividere su Facebook l’ennesima foto di cagnini, gattini e inveita contro il politico di turno.
Sembrano secoli invece in pochi anni il cyberspazio e’ stato dimenticato, o meglio profondamente trasformato nei bisogni e nelle necessita’ dal momento in cui non interessa piu’ a nessuno entrare in un mondo virtuale quando semmai si vuole che il mondo virtuale entri in quello reale e la realta’ aumenta piuttosto che tante
"app" in stile "Google Goggles" danno torto ai mondi artificiali tanto cari alla fantascienza e oggi neppure piu’ a quella dopo il giro di boa di "Matrix".
Tolto quindi qualche capitolo di un autore piu’ lungimirante degli altri, l’errore d’impostazione che sovrasta sugli altri e’ di aver scelto materiale non sempre presente al tema centrale, testi sovente eterei, astrattismi dialettici e vuoto teorico che anche senza "senno del poi", portano con se’ banale e vacuo parlare, irritante nel tempo perso causato dal leggere.
Blabla il piu’ delle volte inutile, talvolta fastidioso altre ridicolo per arrivare al nome di grido, udite udite, Umberto Eco che con un saggio che nulla ha a che fare con "la scena immateriale" se non un pretestuoso per quanto interessante dialogo sulla semantica con un calcolatore alieno, dovrebbe impreziosire il libro quando invece sottolinea la confusione dei redattori.
Testo da buttare quindi? No e le ragioni le ho premesse: se sappiamo capire gli errori concettuali del passato, forse sapremo intuire le potenzialita’ del futuro, educazione al medium, buonsenso e intelligenza anche se queste ultime non possono essere insegnate.

4 Responses to La scena immateriale – Vari (Angela Ferraro, Gabriele Montagano)

  1. angela ferraro scrive:

    ma dove lo hai trovato? è ancora in giro?

    • Ecco quindi la celebre Ferraro curatrice del libro!
      Volume preso l’anno scorso in una libreria di Cattolica, quelle con libri appena usciti ed in offerta, comprato nuovo e riprezzato.
      Se hai voglia sarebbe interessante una tua analisi su quanto e’ cambiato il cyberspazio e soprattutto la sua percezione… sempre che tu non l’abbia gia’ scritto da qualche parte!

      • angela ferraro scrive:

        ciao massimiliano: di tempo ne è passato tanto ed ora abbiamo tutti un’altra vita. Non parliamo più di cyberspazio ma “viviamo ( e bene) il virtuale. Oggi sono una formatrice con tecnologie ict e scambio messaggi ed emozioni reali con device elettronici, faccio e promuovo e-activity, parlo un linguaggio elementare ma compreso in tutto il mondo e “conosco” tante nuove persone, a volte sfiorandole, a volte condividendo esperienze e forti emozioni.
        Non so: mi sento leggera e pronta alle contaminazioni, non più prima della classe, ma una voce plurale, ecco si sono anche io, meno presuntuosa e saccente, ma sempre io.
        Non so: comunque è bello esserci, anche se diventa sempre più difficile pensare e scrivere a lungo.

      • Ti confesso che nel frattempo spinto dalla curiosita’ ho seguito in rete cio’ che ti concerne.
        Converrai con me che un po’ tutti abbiamo preso una bella cantonata col cyberspazio, laddove a distanza di un soffio – cosa sono 5, 6 anni o 10 anni? – si e’ smontata l’intera impalcatura tecnica e filosofica che tanti prevedevano e che il libro esprime nelle sue punte massime ed estreme.
        Non e’ certo una colpa di voi curatori e di sicuro gli articoli da voi scelti erano perfettamente allineati allo Zeitgeist ma resta la curiosita’ su come nessuno abbia saputo vedere un solo passo avanti e lo dico da tecnico IT da 20 anni nel settore nonche’ curioso lettore di scienza e appassionato di fantascienza.
        Coi social network il potere si e’ spostato al popolo e il popolo non sa che farsene. Il progressivo fallimento dei blog e l’incremento esponenziale dei tweet sposta i contenuti dai trattati alla battuta, dalla produzione artistica ai gattini e ai cagnini e vuoi vedere che forse si stava meglio quando si stava peggio?
        In fondo il difficile del “pensare e scrivere a lungo” e’ anche questo senso d’inutilita’ per una comunicazione sempre piu’ iconica e sempre meno articolata.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: