6 giorni sulla Terra – Varo Venturi

6 giorni sulla TerraInveisco spesso e volentieri contro il cinema italiano e non lo farei se non lo avessi amato cosi’ tanto, se non pensassi senza alcuna riserva che per un certo periodo abbiamo prodotto il miglior cinema di sempre. Altresi’ ritengo che se mai torneremo a contare qualcosa, dovranno prima scomparire i Leoni alla carriera, i loro "amici" tra critici, attori, produttori, sceneggiatori, giornalisti, editori e quel marciume che ha reso il cinema del belpaese, nauseabonda spazzatura.
Temo ci sara’ da aspettare un po’ troppo quindi nella rassegnazione ci si consola con quelle briciole anche solo meno allineate al pensiero unico cinematografaro nostrano, purtroppo pero’ con scarsissimi risultati.
Che il nostro cinema si occupi di fantascienza e’… fantascienza se escludiamo intenti politico-satireggianti che da Gregoretti ad oggi si sono succeduti, non fosse che almeno Gregoretti era Gregoretti e cio’ basti.
"Sei giorni sulla Terra" inizia bene e nel contempo male.
Rapimento alieno, ecco come si esordisce e malgrado la buona tecnica, gia’ ci si confonde con una qualsiasi puntata di "X-Files", tolta magari la pruriginosa prospettiva dalle gambe aperte di una tizia, che Mulder avrebbe apprezzato, Scully un po’ meno e che solo noi "italians do it better" possiamo proporre.
Si arriva velocemente al nocciolo della questione, ovvero questo team di ricercatori universitari che studia i rapimenti dei terrestri arrivando ad elaborare la gustosa teoria che in realta’ cio’ che chiamiamo anima non e’ altro che una programmazione aliena atta dopo millenni di condizionamento, ad impiantare dentro il guscio umano, la mente di una dozzina di razze diverse extraterrestri. Ecco come si passa dalla fantascienza all’horror tramutandosi nell’ennesima rivisitazione dell’esorcista, non senza qualche originalita’, c’e’ da ammetterlo, che purtroppo viene disintegrata dalla banalita’ imperante che non ci risparmia servizi segreti cattivi, zingari buoni, un rave party (buono) funzionale all’emissione di una frequenza audio, preti pedofili e l’immarcescibile "666" che ci domina dal codice ISBN dei libri, voluto pensate, millenni fa dagli alieni per controllare le nostre menti.
Il provincialismo prosegue facendo fumare ai professori le canne, con la retorica dei ricchi bastardi a tutti i costi, qui oltretutto alieni e lobbisti che se proprio proprio, lo affronti con lo spirito di Brian Yuzna in "Society – The horror" o lasci perdere. Questi buontemponi riescono persino ad infilarci che i palestinesi sono vittime e gli israeliani complottano coi cattivi per screditarli. Pensa un po’.
Insomma, un’idea anche discreta, la possibilita’ d’imbastire un interessante crossover tra generi e pellicole e ancora non si riesce a staccarsi da terra, continuando nell’infausta tradizione del citazionismo spinto al parossismo con la fissazione di voler fare del cinema-documentario quando gia’ fare cinema e’ un’impresa.
Si perche’ in una ridicola campagna pubblicitaria e spero sia solo questo perche’ mi rifiuto di credere che l’intento fosse diverso, si vuole far passare un coacervo di ca…volate come seri studi e comprovate ricerche.
Leggere per credere questa perla complottista.
Ah, per non farsi mancare nulla, recita si fa per dire, anche il figlio del Leone alla carriera, incapace davanti alla telecamera quanto lo e’ il padre dietro. Il sangue non e’ acqua.
A questo punto "L’esorciccio" continua ad essere il piu’ intelligente tra gli emuli mentre questo orrore e’ l’ennesimo chiodo piantato senza vergogna nella bara del nostro cinema.

Scheda IMDB

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: