Blues Harp – Takashi Miike

Blues HarpNell’alternarsi di film a budget variabile e genere vario, questa volta e’ il turno della yakuza, tema che Miike sa maneggiare senza abusarne, usando il trucco se cosi’ vogliamo chiamarlo, di raccontare microstorie, quasi un quotidiano senza importanza, in fondo poca roba, almeno per chi spende la giornata a fare risse ed evitare pallottole.
Due i protagonisti, il primo un meticcio figlio della resa giapponese agli USA, piccolo spacciatore e barista con l’hobby dell’armonica a bocca, l’altro un delinquente yakuza come tanti non fosse per la smisurata ambizione di comandare il suo clan. Inseguito da una famiglia rivale, sara’ salvato dal barista del quale si innamorera’ perdutamente ma segretamente, dovendo nei suoi piani coinvolgere la donna del capo della quale e’ amante e mezzo per raggiungere il potere. Nel frattempo al ragazzo accadra’ di invaghirsi di una bella e simpatica figliola e mentre tutto pare volgere al meglio con un pargolo in arrivo un contratto discografico gia’ pronto, il destino sara’ feroce.
Film serissimo, lontano dall’umorismo al vetriolo del nostro, concentrato com’e’ su una vicenda che si annuncia drammatica sin dalle prime battute. Miike ha la capacita’ di raccontare storie di frontiera, per molti versi straordinarie, come se fuori di esse non esistesse nulla, come se l’intero mondo restasse in equilibrio tra legalita’ ed illegalita’, come se il degrado facesse parte dello sfondo quotidiano per tutti quanti, non solo i protagonisti.
Il mondo fa schifo, questa e’ la verita’, Miike non lo nasconde eppure non ne fa un’arma, non c’e’ denuncia o ostentazione ma pura rappresentazione di uno stato di cose. Non a caso il regista abbandona la consueta violenza per concentrarsi sulle tinte forti che delicatamente avvolgono una profonda tristezza per il fato che pare inevitabile per i protagonisti, come se in fondo, la redenzione sia illusione per chi e’ nato sotto una cattiva stella.
Non e’ da questo film che Miike e’ un grande regista ma certo e’ un titolo che cito quando c’e’ da snocciolare le opere piu’ significative.

Scheda IMDB

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: