Il mondo contemplativo di Werner Herzog – Peter Buchka

Il mondo contemplativo di Werner HerzogDopo aver visto "Il diamante bianco" e ripercorso grazie a questo documentario la carriera di Herzog, ho trovato spontaneo, istintivo, doveroso scrivere sul mio profilo Facebook.
"Torno dopo molti mesi al cinema di Herzog e ritrovo in lui non un padre, un fratello o un sodale ma la totale aderenza di idee, di intenti, il modo di sentire il Cinema e ancora piu’ ampio, la Bellezza. No, egli non e’ un padre, un fratello o un sodale, Herzog sono io se fossi una persona molto, molto migliore."
Chi altri potrei citare se non il mio stesso riconoscimento verso uno straordinario poeta della settima arte, un uomo la cui sola ambizione e’ il volo, in qualunque forma possibile.
Egli in tutta la sua vita ha definito un’estetica personalissima senza forzarla e tantomeno imporla, ha espresso l’unico messaggio o non-messaggio che invita alla Bellezza, quel punto sospeso tra follia e piacere da ricercarsi in un luogo neppure troppo nascosto dentro l’insensata corsa quotidiana.
Come ben ci spiega Herzog, egli non ama la Natura perche’ stupida e cattiva ma questa esiste e va rispettata, cosi’ come non disprezza la tecnologia, essendo questa un mero strumento in mano ad una civilta’, la nostra, destinata all’estinzione.
Mentre scorrono molte delle sequenze piu’ rappresentative del sua cinema, dai primi corti sino a "Cobra Verde", ultimo film prima della realizzazione del documentario datato 1989, Herzog parla di se’, del cinema e della sua idea di cinema e non serve altro per investigare nell’Herzog-pensiero, vedendo incarnati i bisogni e i desideri nelle pellicole che da sempre realizza e col senno di poi, sapra’ realizzare.
Una sola ora di documentario e’ un regalo che ognuno dovrebbe farsi per comprendere un grande regista e la sua arte, per chi invece di Herzog ha visto tutto, e’ la spinta non necessaria al tutto di essere rivisto.

Scheda IMDB

2 Responses to Il mondo contemplativo di Werner Herzog – Peter Buchka

  1. MonsieurVerdoux scrive:

    Bellissimo post, degna dichiarazione d’amore ad un grandissimo regista. Anche io ho un grande debito verso herzog, che ho sempre visto come un maestro, una guida. Ti consiglio vivamente Incontri alla fine del mondo, un libro assolutamente straordinario, la bibbia del cinema e del pensiero e della filosofia herzoghiana, un romanzo che mi ha segnato profondamente. Vedrò sicuramente Il diamante bianco, che mi manca, anzi grazie per la segnalazione. Un saluto da un herzoghiano convinto e appassionato.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: