Beethoven – Joseph Kerman, Alan Tyson

BeethovenNessuno si offenda ma trovo che la Giunti non abbia un catalogo propriamente memorabile. Malgrado questo pero’, nella sezione musicale ha diversi titoli ben realizzati, guide forse non rivoluzionarie ma talvolta straordinariamente utili per iniziare a seguire o approfondire generi ed argomenti.
Questo "Beethoven"  pubblicato da noi nel 1986, e’ il classico testo di epoca pre-internet con biografia, commenti, elenco delle opere e attenzione cio’ non e’ un demerito, anzi rafforza l’idea che la portabilita’ dell’informazione e’ fondamentale quanto l’informazione stessa.
Volendo infatti un riferimento al catalogo piuttosto che una data o una situazione, la strada piu’ veloce e’ sfogliare le pagine piuttosto che navigare sul web.
Divulgativo sin dalle intenzioni, il libro si divide in quattro sezioni.
La prima, quella piu’ corposa, e’ dedicata alla biografia del musicista, nessuna concessione alla fantasia, resta un ripercorrere la sua vita con essenzialita’ lasciando  nel contempo il piacere della lettura.
Seguono alcune considerazioni sulla personalita’ di Beethoven, la sua influenza sulla scena musicale dalla sua scomparsa ad oggi ed in fine il corposo elenco di opere.
Libro ovviamente fuori catalogo con grafica, prezzo e sostanza di decenni fa, ha l’enorme pregio di farsi leggere facilmente senza perdersi in fronzoli che non aggiungono nulla alla storia, facendo emergere dalla biografia l’idea ancora una volta essenziale, che l’artista spesso incarna la propria musica e nel caso di Beethoven, il suo ardore e il suo tormento in musica, non erano semplici invenzioni per quanto geniali ma il prodotto di un carattere duro e irascibile, rabbia innata ed acuita con la malattia che presto lo avrebbe portato alla sordita’ completa e che la musica poteva esprimere ma non reprimere.
Lettura interessante e piacevole e se capitasse di trovarlo in qualche bancarella di remainders, caldeggio i pochi euro necessari all’acquisto.

One Response to Beethoven – Joseph Kerman, Alan Tyson

  1. Pingback: La seconda scuola di Vienna. Schoenberg, Berg, Webern – Oliver Neighbour, George Perle, Paul Griffiths | Ultima Visione

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: