Nino Migliori – Bologna 6-4-2013

Nino Migliori 1Nino Migliori e’ un curioso ragazzo o dovrei dire un ragazzo curioso non fosse che per la proprieta’ commutativa, cambiando l’ordine di fattori il prodotto non cambia. In effetti non cambia neppure scoprendo che il ragazzo in questione nasce nel 1926 e l’ultima sua installazione "Orantes" e’ datata 2012.
Migliori non nasconde la sua eta’ e quando si presenta mette le mani avanti dichiarandola apertamente come per scusarsi, affermando in realta’ il diritto di avere ancora molto da dire ed e’ sufficiente ascoltarlo pochi minuti per rendersi conto innanzitutto di quale persone squisita egli sia, che forza e freschezza dimori tuttora negli intenti e nelle opere recenti come in quelle piu’ datate. Non ultima, la lucida coerenza di un lavoro piu’ che decennale proteso nel cogliere un’emozione da portare fuori dei se’, dagli occhi e dal cuore passando per la macchina fotografica, mezzo meccanico che niente puo’ oltre ad obbedire alla passione di un momento sul quale costruire con mano maestra la sua opera. Migliori in effetti rappresenta il miglior connubio possibile tra il fotografo e l’artista, colui per il quale l’immagine e’ un punto di partenza, anzi il materiale grezzo sulla quale la fotografia s’imprime laddove carta fotografica, polaroid e quant’altro, rientrano nel computo degli strumenti coi quali il fotografo ritrae il mondo circostante trasformandolo in un universo iperreale, fondato sul dettaglio e sulla tecnica necessaria a riprodurlo.
nino migliori 2Sessant’anni di carriera sono lunghi e ben spesi laddove Migliori e’ riuscito egregiamente a passare dalla pura ritrattistica di persone e luoghi, della sua citta’ Bologna come del meridione d’Italia, sino ai primi esperimenti compiuti direttamente sulla pellicola fotografica espandendo le diverse tecniche gia’ introdotte da Man Ray come ad esempio l’impressione tramite contatto di oggetti sulla pellicola e aggiungendo elementi quali il calore, la polarizzazione, l’ossidazione o i liquidi, in scia del resto alle sue frequentazioni dell’ambiente informale.
Nel corso degli anni persiste un alternarsi di tecniche e vere e proprie invenzioni, spesso intuizioni tanto semplici quanto sorprendenti. Ecco quindi la realta’ pittorica delle polaroid trasformate in paesaggi impressionisti piuttosto che dorate icone russe che si affiancano a visioni pop di sesso e guerra o ancora natura morta nel progressivo morire e natura dalla morte invece ritardata.
Ritratti di Bologna nei contrasto del bianco e  nero o nei suoi muri, libro aperto di un pensiero popolare e ancora gli omaggi al Guercino e a Carracci.
L’elenco dei suoi progetti e’ lungo e la mostra offre un’ottima selezione del tanto materiale prodotto dall’artista.
A corredo dell’esposizione consiglio la visione del mediometraggio dedicato a Migliori, un’ampia intervista che ripercorre le sue opere e le tecniche utilizzate ma ancor meglio restituisce la sua figura carica di umanita’ e intelligenza.
Antologica importante per un artista le cui opere risiedono nei musei e nelle gallerie d’arte di tutto il mondo, un giusto ed orgoglioso tributo della citta’ di Bologna ad un suo figlio illustre.

Mostra di Nino Migliori a Palazzo Fava, Bologna
Documentazione sull’antologica

One Response to Nino Migliori – Bologna 6-4-2013

  1. Pingback: Muri – Nino Migliori | Ultima Visione

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: