Cadaveri e compari – Brian De Palma

Cadaveri e compariDanny DeVito e Joe Piscopo sono due mafiosetti da avanspettacolo derisi e sbeffeggiati da altri mafiosi piu’ da cartone animato che da letteratura.
Sono anche grandi amici, vicini di casa, compagni da una vita ed inseparabili per quanto uno italiano e l’altro ebreo.
Una scommessa del boss non piazzata ed improvvisamente si trovano debitori nei suoi confronti di 250 mila dollari.
Una fuga che sa di viaggio della speranza verso casa di uno zio di famiglia, consolidera’ la loro amicizia finche’ morte… non li separi.
Pellicola poco dark e molto commedia uscita nel 1986 in ritardo di venticinque anni e forse nemmeno allora avrebbe fatto ridere piu’ di tanto.
Buddy movie dallo humor leggermente grasso ma tutto sommato garbato per quanto la macchietta se diventa burattino, va bene al circo non al cinema.
Il tentativo di parodiare gli italoamericani mafiosi giocando col passato cinematografico di Coppola, Scorsese, del quale ha invitato i genitori in una particina, fallisce pero’ sull’eccesso.
Con la malavita tanti altri ci hanno scherzato e con risultati ben piu’ convincenti.
De Palma sa cavalcare l’onda del divertimento, forse il suo non sara’ l’ammuffito cabaret ebraico newyorkese e l’unto sugoso delle sue origini non si nasconde ma anche la farsa ha le sue regole e una di queste e’ l’originalita’:
Ad ogni modo DeVito recita DeVito, Piscopo e’ li e non si sa bene che ci stia a fare, Lou Albano e’ il solo ad avere una caratterizzazione propria e Harvey Keitel si allena per il tarantiniano signor Wolf .
Un ultimo appunto, per quanto tutto da verificare, e’ sul doppiaggio. Praticamente non c’e’ uno che non urli dall’inizio alla fine, abitudine infausta del sud Italia che ci contraddistingue all’estero ma servirebbe seguire il film in lingua originale per capire se questa e’ effettivamente una caratterizzazione voluta dal regista o e’ scappata la mano ai nostri doppiatori. 
Passare oltre.

Scheda IMDB

Annunci

6 Responses to Cadaveri e compari – Brian De Palma

  1. Cristian Maritano says:

    Non è nulla di transcendentale…ma neanche poi così da buttare se si vuole una visione spensierata senza troppi fronzoli per la testa…il De Palma che conosciamo è di ben altra pasta, in particolare ad inizio carriera con questo genere.

    • Sono dell’idea che la severita’ del giudizio debba proporzionarsi alla qualita’ di cio’ che si giudica. De Palma e’ un grandissimo, percio’ un film del genere in mano a chiunque altro sarebbe una striminzita sufficienza, a lui una sonora stroncatura

      • Cristian Maritano says:

        L’opera più mediocre ha molta più anima del nostro giudizio che la definisce tale.

      • Cristian Maritano says:

        Non sono mie parole…erano se non sbaglio in un libro che lessi durante dei corsi di cinema. Ma furono interessanti quando poi mi approcciai alla visione delle successive pellicole…era come una fase catartica nel giudizio.

        Se non sbaglio il testo era Storia del cinema. Un’introduzione di Thompson e Bordwell o forse Prima lezione sulla televisione di Aldo Grasso.

        Questo comunque non rende meno la tua valutazione soggettiva…ci mancherebbe…ma è una chiave di lettura meno invasiva sulla natura di determinate pellicole in generale.

      • Per carita’, tutto e’ gusto personale…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: