Factory girl – George Hickenlooper

Factory girlIn questi anni ho rivisto progressivamente la mia posizione in merito a Andy Warhol e detta tutta, mi ci sto ancora applicando.
Mi serviva distinguere il valore intrinseco del suo lavoro, dal giudizio entusiastico di chi parla per sentito dire o meglio di chi ha da mantenere connivenze e coincidenze. Ad ogni buon conto la ricerca continua e "Factory girl" e’ un tassello da aggiungere al quadro complessivo.
Il protagonista non e’ Warhol seppur egli sia l’ovvia controparte della vicenda.
Biopic dedicato a Edie Sedgwick. ricchissima ereditiera che trasferitasi a New York, entro’ a far parte della Factory e di tutto quanto il suo rutilante mondo. Ragazza disturbata, ovviamente le ragioni del suo ricovero in casa di cura non concordano, certo non le fu difficile cadere a piu’ pari nella droga che in breve la distrusse, non senza essersi resa protagonista delle notti e dell’arte newyorkese nella seconda meta’ degli anni ’60.
Film questo che ebbe molti problemi di distribuzione e legali, molti paletti piantati dai protagonisti dell’epoca.
Bob Dylan l’eroe buono, caro che non ci sta a passare per cio’ che era, un pezzo di plastica come tutti gli altri e solo coprendolo col romanzato e presunto, gli si salva la faccia..
Strano a dirsi ma chi ne esce meglio e’ proprio Warhol, interpretato da un superbo Guy Pearce a cui andrebbero una volta per tutte tributati i giusti onori mentre la brava Sienna Miller da’  corpo – e che corpo – a Edie, confermando in fondo che, a prescindere dalla vera causa dei suoi problemi, non poteva sopravvivere a se’ stessa.
Regia veloce ed essenziale, Hickenlooper praticamente non si fa notare e non e’ per forza un male per una pellicola che in fondo ha la pretesa di introdurre non di spiegare. E’ mancato il coraggio di fare nomi e cognomi, mostrare i fatti nudi e crudi e il prezzo pagato e’ l’anonimato di un film che gia’ sta sparendo dalla memoria.
Vale comunque la pena vederlo.

Scheda IMDB

3 Responses to Factory girl – George Hickenlooper

  1. skunkyli scrive:

    Hai ragione sull’anonimato di questo film, io l’ho scoperto assolutamente per caso nonostante sia abbastanza appassionata di Warhol. Devo ammettere comunque che mi è piaciuto molto sia come interpretazione degli attori sia come fotografia che come colonna sonora. Sienna poi è particolarmente calata nella parte (e davvero davvero bella!).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: