Island: New art from Ireland – John Lennon artista – Museo della figurina (Modena Settembre 2013)

IslandScrivo di questa piccola ma bella esposizione con molto dispiacere.
Si perche’ oramai e’ conclusa e purtroppo cio’ che restera’ e’ il mio tardivo commento quando avrebbe potuto fungere da traino e invito per altri visitatori.
Mi riduco a visitarla praticamente il penultimo giorno d’esposizione e soltanto per un’errata valutazione.
Leggendo la scheda informativa, me feci l’idea che in fondo si trattasse della raccolta piu’ o meno sparsa, per quanto interessante, di artisti accumunati dal solo essere irlandesi. Posso concedermi l’attenuante che in apparenza sulla carta, poco del lavoro di ognuno si lega a quello degli altri; sculture, dipinti, corti cinematografici un po’ troppo eterogeni per vederci un filo conduttore eppure, abbandonato il web per la vita reale, la forza della mostra consisteva proprio nel tema comune agli artisti e alle loro opere.
Ogni artista a modo suo, pone l’Irlanda come punto centrale della ricerca, eppure ne trasforma l’identita’ fuggendo da essa, come Dorothy Cross che attraverso la natura lisergica che cambia la visione, scambia tradizione e ambiente oppure Mark Garry che mostra come il reale possa apparire artificiale o ancora Martin Healy che dell’estetica industriale fa una nuova immagine naturale e forse Damien Flood con le sue isole immaginate e poco emerse, spinge ad andare oltre l’iconografia o la forma da volantino turistico.
Pochi artisti ma dalle idee molto chiare, conto in una replica magari espansa.

John LennonNon ho i Beatles come riferimento supremo. Conosco molto, mi piace molto, ne riconosco i meriti ma v’e’ una notevole sopravvalutazione quantomeno riferendoci ai singoli componenti del gruppo, non tanto sulla macchina da guerra costruita attorno a loro.
Del duo Lennon / McCartney poi, da sempre tifo quest’ultimo svantaggiato nei confronti dell’altro per il solo fatto di non essere stato ammazzato anzitempo. Lennon godette e ancora oggi la sua figura s’esalta in un mare di retorica, cavallo infilato a forza nel giusto circuito e devo dire che fosse stato solo per lui non avrei visitato la mostra.
Al contrario in questi anni la figura di Yoko Ono ha iniziato ad intrigarmi e approfondendo fatti e biografie, mi convinco sempre di piu’ di come seppe manovrare il nostro e di quanto il suo successo sia in effetti dovuto alla sua manina neppure troppo occulta. Lennon artista, quindi e diamolo per buono con le litografie della "Bag One" e alcuni cimeli legati alla sua partecipazione al film "Come ho vinto la guerra", film modestissimo non fosse per la curiosita’ destata dal suo celebre figurante.
Molto, molto piu’ interessanti i video prodotti con la moglie anche se e siamo a prova di smentita, e’ tutta farina del sacco di lei, laddove il passato Fluxus e l’esperienza warhoiliana, ne avevano gia’ tracciato i solchi principali.
Niente di nuovo a quel tempo e tantomeno oggi ma se piace il genere, meritano una guardata anche perche’ in questo caso, c’e’ ancora tempo

Museo della Figurina - AmoreUn ultimo accenno al "Museo della Figurina". La mostra e’ permanente e davvero piacevole da visitare in un viaggio che attraversa l’intero secolo scorso fino ai commoventi anni della nostra infanzia ma in occasione del Festival della Filosofia a Modena, si tinge di rosso come l’amore ed espone una corposa serie di figurine dedicate all’argomento. Non ci si aspetti pero’ melense raffigurazioni, tutt’altro. L’idea di amore, innamoramento, matrimonio e convivenza sono cambiate decisamente nel corso dei decenni e non era difficile veder rappresentate cio’ che noi oggi chiamiamo soprusi o violenze domestiche, tradimenti e umiliazioni, il tutto in forma di barzelletta o boutade. Vi sono anche grandi sentimenti da romanza ma e’ divertente constatare come anche solo i nostri nonni vivessero un quotidiano profondamente diverso dal nostro e non solo per i beni che ci circondano ma soprattutto nel modo d’intendere la vita, Merita una visita.

Island: New art from Ireland
All you need is love: John Lennon artista, attore, performer
Museo della figurina

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: