Shi Kong: China Futures – Vari (Urania 1564)

Shi KongNel breve excursus all’interno della fantascienza di ultima generazione o quantomeno nel tentativo d’uscire dalla cara fantascienza classica alla quale sono tanto affezionato, non potevo esimermi ancora a lungo dal leggere la raccolta "Shi Kong: China Futures", pubblicata sulla collana Urania un paio di anni orsono. Cina e fantascienza, connubio impossibile ma c’era da aspettarselo e nella prefazione, il curatore Lorenzo Andolfatto, mette sul piatto alcuni spunti interessanti sui quali riflettere.
Non e’ un caso che i primi racconti risalgano all’inizio degli anni ’80. Scomparso Mao, condannata la rivoluzione culturale e i suoi orrori, col potere in mano al riformatore Deng Xiaoping e la straordinaria svolta economica, politica e sociale che si apprestava a mettere in atto, anche la semplice liberta’ di dare sfogo alla fantasia e uscire con la mente dall’orrore comunista, fu un atto innovativo e rivoluzionario. Non solo. Come fa ben notare Andolfatto, all’improvviso in Cina si aprirono le porte a decenni di letteratura fantascientifica mai letta prima e vedere come questa poteva essere metabolizzata in pochi anni, e’ gia’ un fantastico esperimento.
Al di la’ quindi del semplice giudizio critico, e’ importante affrontare il libro avendo ben presente il background storico e sociale della Cina perche’ in questo caso l’humus e’ significativo quanto il raccolto. 
Non sorprende quindi che i primi due racconti datati 1980 siano eccessivamente semplici, il secondo di Jin Tao addirittura imbarazzante ma basta un salto di dieci anni al racconto "Le tombe del cosmo" di Han Song che di anni pare ne siano trascorsi cento. Crescita stilistica e concettuale esponenziale, un po’ come e’ avvenuto alla loro economia. Velocita’ che non smarrisce completamente la sensibilita’ propria del popolo cinese e soprattutto non si astrae troppo restando aderente ad un pragmatismo dettato anche da un’accelerazione che non permette sbilanciamenti eccessivi e voli pindarici pericolosi. Sempre Andolfatto crea un parallelo con la solida fantascienza statunitense anni ’50 ed e’ vero per quanto ripeto, sia piu’ dovuto a diversa sensibilita’ invece che innocenza primitiva.  
Voglio essere chiaro, non giudico la raccolta solo sotto il profilo sociologico, per quanto attraverso questa interpretazione ne guadagni ma il contesto e’ importante e alla fine da’ senso e valore al volume.
Molto,  molto interessante e ancor piu’ lo e’ immaginare quali soprese la Cina sapra’ riservarci.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: