The box – Richard Kelly

The Box (film)La raccolta di Matheson col racconto che ha ispirato il film mi piacque talmente poco che ho accantonato l’idea di vederlo. Sino ad oggi perlomeno. L’idea e’ semplice: che fareste se uno sconosciuto vi desse un milione di dollari per premere un tasto che uccidera’ uno sconosciuto e della cui morte non potreste in alcun modo essere incolpati?
Il tema e’ stuzzicante, di quelli che lanciati in un bar tengono impegnati per giorni, con tanto di professori reclutati fino alle risse con accoltellamento.
Oltre l’idea pero’ il nulla e comunque dal racconto non e’ che si potesse ricavare granche’.
Siamo nel 1974, lei Cameron Diaz e’ una professoressa con un piede menomato, lui James Marsden uno scienziato assunto dalla NASA, un figlio e una bella vita al limite delle loro possibilita’. L’arrivo di un distinto sconosciuto Frank Langella, con meta’ volto bruciato ma non di meno gentile per quanto freddo e distaccato, offre ai due la possibilita’ di guadagnare un milione di dollari premendo il fatidico tasto sulla scatola data loro.
Non voglio spoilerare, quindi mi e’ impossibile andare oltre cio’ che accade ma per quanto la diffidenza inizialmente resti alta, piano piano Kelly riesce a riempire il film oltretutto con una certa bravura, sino alla sua conclusione.
Voglio dire, il soggetto e’ totalmente sbilenco, contestabile dall’inizio alla fine e ricordiamo che il regista e’ lo stesso di "Donnie Darko", film nel quale i salti mortali non si contano, pur restando infine un prodotto interessante.
E’ curioso semmai che l’incipit della scatola, del bottone e dei soldi, in realta’ sia un piccolo pretesto che poteva essere sostituito con qualsiasi altra cosa e il vero mistero si sposta velocemente presso ben altri lidi e cio’ conferma la predisposizione di Kelly a sviluppare minuzie in insiemi coerenti e al meglio convincenti..
Certo, nel dopocinema chiunque continuera’ a parlare del film ma cio’ evidentemente non e’ stato poi tutto questo traino per un film che tutto sommato e’ passato in sordina.
Alla fine non mi e’ dispiaciuto o perlomeno mi ha intrattenuto col giusto grado di piacere e divertimento.

Scheda IMDB

2 Responses to The box – Richard Kelly

  1. cazzochevento scrive:

    visto solo all’uscita, ricordo un film che iniziava anche bene ma che si perdeva in inutili teorie aliene/celesti di salvezza e speranza. Alla fine l’idea del milione di dollari se premi il pulsante mi sembra fosse l’unica cosa valida del film, e non era nemmeno sfruttata più di tanto

    • Kelly ormai pare aver capito che tante idee zoppe possono reggersi da sole, anzi la giusta combinazione di queste possono in apparenza regalare un senso compiuto e farsi apprezzare.
      Cosi’ e’ stato per “Donnie Darko”, cosi’ e’ per “The box”. Riconosciuto questo ci si puo’ divertire senza negare la sostanza del soggetto: nulla, anzi come dici bene, il concept di Matheson ha gia’ in sé tutto il necessario.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: