Nosferatu il vampiro – Friedrich Wilhelm Murnau

Nosferatu il vampiro - MurnauA volte mi prendono certe voglie cosi’, piccole occasioni, minuscoli pensieri che s’insinuano nella mente e crescono come valanghe. La lettura del racconto "Un festino durante la peste" di Puskin mi ha riportato alla memoria il "Nosferatu" di Herzog e andare oltre col rivedere l’originale di Murnau e’ stato folgorante e non troppo inaspettato. Certe opere, di solito le piu’ grandi, fanno indissolubilmente parte di noi al punto da venire trascurate nella certezza di averle sempre vicine e cosi’ trascorrono gli anni senza accorgersene.
Per dire che e’ un sacco di tempo che non lo vedo…
Film del 1922 ma potrebbe essere del 2022 o 3222 nell’infinita capacita’ di restare terrificante a prescindere dal tempo trascorso. La trama e’ nota, simile al "Dracula" di Stoker al quale si ispira, dalle differenze che nascono dalla volonta’ o il bisogno del regista di non pagare i diritti ai legittimi eredi.
Cio’ fece del film un’opera salvata a stento dalla furia giustizialista della famiglia che vinse la causa contro il regista, fortunatamente rimasta integra e a tutti noi destinata.
Esempio superbo del cinema espressionista tedesco, ne utilizza tecnica e filosofia per amplificare il terrore che la sola vista di Max Schreck, lo splendido Nosferatu, provoca al pubblico. Merito dell’interprete ma ancor piu’ di Murnau che nelle prospettive azzardare e distorte crea l’alone di soprannaturale e mostruoso che accompagna il vampiro. Nosferatu, il "non morto". Murnau e’ attento a definirne forma e psicologia, persino la genesi nella spiegazione che egli sia una mutazione singolare ma non straordinaria, alla stessa stregua delle piante carnivore o delle meduse uncinate, anomalia giustificata da un deviato percorso evolutivo. Il vampiro come forma naturale, percio’ non soprannaturale o almeno portatore di uno straordinario che non e’ mistero ma caratteristica.
Ad ogni modo parlare serve a poco su un film che dopo cento anni e’ ancora citatissimo e riprodotto in infinite riedizioni e rimasterizzazioni. Merito anche di Herzog, e’ certo ma egli dipinse un magnifico affresco coi colori donati dalla pellicola originale di Murnau, dunque va ringraziato due volte.
Vederlo non basta, film da sentire ed ammirare.

Scheda IMDB

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: