Resident Evil: Retribution – Paul W.S. Anderson

Resident Evil RetributionE la saga continua sino a questo quinto episodio. Tra i nuovi spettatori che poco o nulla sanno e i vecchi che tra films, giochi, animazione e quant’altro non ce la fanno ad uscirne vivi, Anderson impiega una mezza dozzina di minuti per riepilogare quanto e’ accaduto sino ad ora e diro’, un piccolo sospiro di sollievo col ripasso l’ho tirato anche io. Non intendendo riassumere nulla , invece iniziero’ col raccontare dell’assalto dell’Umbrella all’Arcadia la nave vista a fine dell’episodio precedente. Milla / Alice viene scaraventata nell’oceano da un’esplosione per svegliarsi poco in un tranquillo sobborgo americano con tanto di marito e figlia sordomuta. L’assalto di zombie sara’ letale ma si svegliera’ nuovamente, questa volta nelle mani della Umbrella per scoprire di essere prigioniera in una ex base sovietica in fondo al mare Baltico. Fuggira’ grazie a Albert Wesker, ex agente ed ex nemico giurato, assieme ad una squadra di soccorso cpn la quale dovra’ attraversare per salvarsi, simulcari di grandi citta’ come Mosca, New York  e Tokyo. Alla fine l’aspetta lo scontro finale, che gia’ prelude ad un sesto episodio.
Voglio ripeterlo a voce alta ancora una volta: a me Paul W.S. Anderson piace e parecchio.
Basti vedere come ha gestito la sigla iniziale, l’attacco all’Arcadia girato ad alta velocita’ e proiettato al contrario, che detta cosi’ sembra una fesseria ma sullo schermo fa la sua porchissima figura. Il film non ha praticamente soggetto o almeno ne ha uno perfetto per la trama di un videogioco perche’ di videogioco si tratta, con tanto di ondate di cattivi da affrontare lungo i diversi livelli della stazione di Umbrella. Non lo ritengo un difetto, semmai una prerogativa, non molto diversa da tante altre e comunque va bene se c’e’ capacita’ di gestire questa abnorme dose d’azione e c’e’ eccome dal momento in cui le splendide coreografie dei combattimenti s’intersecano con gli ottimi effetti speciali, a volte ingenui ma sempre efficaci. Ovviamente non mancano le citazioni che vanno da Alien a tutti gli altri morti viventi e ancor piu’ dal mondo di videogiochi dove non solo Resident Evil fa da modello ma Bioshock e’ piu’ che un semplice sussurro della memoria, cosi’ come lo e’ "Silent hill" e l’immancabile "Doom".
La saga continua bene, il film e’ piacevolissimo per quanto eccessivamente breve e sono contento che l’idea non si fermi qui.

Scheda IMDB

2 Responses to Resident Evil: Retribution – Paul W.S. Anderson

  1. beatrice scrive:

    è un’ottimo film d’azione ma chi si aspetta di vedere una trasposizione del videogioco può fermarsi al primo della saga, perché il resto non ha praticamente nulla a che vedere con quello. succedono molte cose e la trama è difficile da comprendere almeno fino a 3/4 del film ma mi è piaciuto molto e non vedo l’ora di vedere il prossimo ed ultimo, con la battaglia tra gli zombi ed i protagonisti insieme a Wesker!

    • Se avrai voglia, segui gli altri post su Resident Evil in CGI dove cerco a mia volta di districarmi tra le anime del format che si divide tra gioco, serie in CGI e live action.
      A suo tempo non fui un fan dei giochi e dovendo scegliere seguo la saga della Milla non perché migliore, soltanto per comodità (e poi lei si fa ammirare, diciamocelo🙂 )
      Infine e non e’ poco, credo di essere uno dei pochi estimatori del regista Paul WS Anderson, percio’ guardo con piacere ogni suo film e anche riannodare i fili non e’ sempre facile… beh ci si diverte ugualmente!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: