Stoker – Park Chan-wook

StokerQuando India Stoker compie diciotto anni, il padre al quale e’ molto affezionata, muore in un incidente. Per l’affetto non si puo’ dire altrettanto della madre che vive il lutto con un certo distacco e malcelata indifferenza.
Il giorno stesso del funerale compare il fratello del padre, quello zio Charlie sempre in viaggi lontani e  che nessuno in famiglia ha mai visto.
Questi si stabilisce a casa della vedova e di sua figlia, la prima languida e sensuale, l’altra diffidente eppure anch’essa attratta dal misterioso e affascinante parente. Ben presto pero’ terribili segreti iniziano ad affiorare, la gente sparisce e India non solo non fugge terrorizzata ma anzi trova nei misteri molte risposte su se stessa. Il finale terribile trovera’ soluzione nei tragici trascorsi della sua famiglia e nel futuro del suo sangue.
Applausi, applausi a scena aperta. Capisco che per molti Park sia il regista della trilogia della vendetta, saga straordinaria ma per me resta l’artefice di "JSA – Joint Security Area", uno dei thriller piu’ formidabili di tutti i tempi, una macchina perfetta sotto ogni punto di vista. E ora c’e’ "Stoker".
Sempre piu’ spesso mi trovo ad inveire contro una Hollywood disintegrata sotto il peso della correttezza idiota e schiacciata dal sistema o dal controsistema, tanto e’ uguale ma Park alla sua prima prova statunitense dimostra che nella ex patria delle grandi speranze si puo’ ancora fare cinema, grande cinema.
E’ talmente bravo che non si puo’ fare a meno di accostarlo a grandi nomi della settima arte. 
La tensione scaturisce dal nulla, da piccoli sguardi, da movimenti di camera eterei eppure studiati sin nei piu’ piccoli dettagli. La sintassi rimanda ad Hitchcock, unico grande referente di una storia congegnata sulla presunzione di cio’ che deve accadere e che inchioda dall’inizio alla fine senza un solo minuto di tregua mentre la regia, la mera tecnica vede in Scorsese il padre piu’ nobile nella continua invenzione, la ricerca incessante del sbalorditivo e lo sfoggio del fantastico. Tra testo e tecnica e’ un incanto senza fine che incredibilmente si mescola alla tensione straziante.
In tutto questo il merito va indubbiamente condiviso coi tre protagonisti principali Mia Wasikowska, Nicole Kidman e Matthew Goode e in gran parte i soli sullo schermo ma e’ evidente che e’ merito di Park anche l’impostazione attoriale, perche’ "Stoker" e’ un film di regia a tutto tondo pur essendo tanto legato ai personaggi.
Voglio ripeterlo, straordinario e significatamente  vincitore fuori casa. Una lezione per tutti.

Scheda IMDB

2 Responses to Stoker – Park Chan-wook

  1. Francesca scrive:

    Sono ancor più contenta per averlo trovato, questo film, in verità attirata unicamente dalla presenza della Kidman. Non l’ho ancora visto, comunque (c’è ancora Gondry, prima… e non gli faccio passare avanti niente), ma ti farò sapere🙂

    • Formidabile e lo dico col massimo entusiasmo possibile. Da godersi come thriller e da amanti del cinema, come sublime esempio di tecnica. Park e’ talmente bravo da rendere secondari gli interpreti e come immaginerai, anche qui i livelli sono altissimi. Un soddisfazione a 360 gradi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: