Node Festival 2014 – Modena 07-06-2014

Ormai la tradizione del Node va rispettata ed e’ un vero piacere proseguire nel seguire una manifestazione che ci vede spettatori in questo periodo dell’anno. Oltretutto vi sono state un paio di novita’ importanti. La prima riguarda il ritorno al Palazzo Santa Margherita, la sede storica dell’evento che dopo due anni torna ad essere protagonista.
La seconda novita’ e’ l’esposizione di opere di alcuni artisti che in qualche modo proseguono il cammino audio-visuale  che da sempre caratterizza la manifestazione e che negli ultimi anni e’ in parte finita in secondo piano, anzi si puo’ senza smentita affermare che raramente si e’ raggiunto un tale equilibrio tra vista e udito come in questa edizione.
Node 2014 - Pe LangTransiente e’ il nome, programmaticamente mutante, suono che diviene movimento e viceversa, materializzazione dell’invisibile fronte d’aria che fa giungere i rumori sino a noi, qui si esplicitano in forme diverse sulle quali gli artisti sono intervenuti per farne opera cinetica e sonora. Non sono molte le opere esposte ma si fanno volere bene, in particolare la fenomenale installazione di Pe Lang (foto) e di Edgardo Rudnitzky, zen quanto basta per farsi ricordare.
Tornando al festival, l’organizzazione e’ sempre ottima, il comparto tecnico eccellente con l’impianto audio che ha retto benissimo sotto i bassi feroci e gli acuti lancinanti degli artisti duranti le loro performance, nonche’ una buona climatizzazione grazie alla quale s’e’ creato il giusto clima, in ogni senso, per la miglior fruizione possibile

Node 2014 - LumisokeaLumisokea Duo italo-belga sul palco per l’apertura della serata. Sala preparata con fumi solcati ad inizio esibizione da lame di luci geometriche ed ancestrali, rimando immaginario a misteri di mondi scomparsi o ancora da scoprire.
Ecco, il progetto si basa su questo, suggestione ed immaginazione ed e’ la suggestione a dar forza a l’intero impianto tecnico e sonoro. Onde oscure accompagnano la luce, contrasto evidente nell’uno che rafforza l’altro, dove l’ambient nerissimo lascia ancora spazio a varchi di frequenze meno angoscianti. Quando pero’ i bassi spostano l’onda su lidi piu’ dubstep, anche la complessita’ luminosa s’enfatizza accentuando il contrasto sino al parossismo.
Nel complesso l’operazione e’ buona, forse avrebbe giovato una maggiore sperimentazione laddove l’ambientazione e l’aritmicita’ non sempre reggono sotto il peso dell’attenzione e qualche momento di stanca inficia la performance.

Node 2104 - Roly PorterRoly Porter Innegabilmente l’artista che ho preferito della serata, anzi aggiungo, una scoperta che difficilmente dimentichero’. L’inizio e’ ordinario, non banale s’intende ma i droni sono quelli di sempre, accentuando un’indole cosmica piacevole col giusto retrogusto dark ambient sempre di molto effetto. Poi senza troppa enfasi ma nemmeno sottotraccia, il suono si gonfia, s’enfatizza e come le immagini alle spalle dell’artista, da un modesto nucleo centrale, esplode in un plasma di suoni e di forme agghiaccianti.
Mentre vortici di energia kubrickiani si materializzano, Porter dirige la miglior colonna sonora possibile e proprio il commento cinematografico e’ il solo riferimento per la sua musica titanica, cosmica e terribile. Si, terribile e bellissimo, devastante della potenza che solo Kluster, Tangerine Dream e Popol Vuh seppero esprimere al loro tempo e che in Porter ritroviamo amplificato dalla potenza della tecnologia odierna. Gia’ compositore di colonne sonore, verrebbe voglia di dirigere un film solo per averlo in sottofondo alle immagini. Stupefacente e indimenticabile.

Node 2104 - EgyptrixxEgyptrixx chiude la serata. Artista dai connotati fortemente performativi, accompagna il proprio suono con immagini appositamente create in un connubio strettissimo e cinematografico. Cosi’ come cio’ che vediamo rimanda a mondi lontani e soprattutto dimensioni fluide ed indefinite, le sonorita’ scivolano dal minimalismo al glitch, dal dubstep alla techno. Grande profondita’ di suoni, i bassi sono studiati per ottenere un riscontro fisico sull’ascoltatore, pulsazioni soffocanti, sensazioni claustrofobiche accompagnano dentro un passaggio, anzi tanti passaggi quanti sono i diversi capitoli di un unico racconto che come un diario di viaggio, narra la sua storia di nascita e trasformazione. Alcuni momenti molto buoni specie quando il ritmo si fa incalzante, nell’ordinario altrove ma comprensibilmente la tensione non puo’ sempre essere al massimo

Node Festival 2014 Youtube Playlist
Node Festival 2014
Lumisokea Web Page
Roly Porter Web Page
Egyptrixx Web Page

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: