Luigi Ghirri – Fotografia Europea 2014, Reggio Emilia 21-06-2014

Luigi Ghirri 2Luigi Ghirri, fotografo reggiano in mostra a Reggio Emilia e nell’ambito della manifestazione Fotografia Europea 2014, viene da se’ che la sua presenza sia dovuta e obbligatoria.
Reggiano si diceva ma oltre i campanilismi, egli e’ genuinamente emiliano perche’ la terra, le case e le persone sono le stesse e la Via Emilia non e’ una strada ma uno stile di vita, un modo di ragionare, o almeno lo era.
Nato nel 1943 e prematuramente scomparso nel 1992, la sua fotografia divenne internazionalmente celebre gia’ dagli anni ’70 e da allora la sua fama resta immutata e le sue opere esposte nei musei di tutti i continenti.
Egli entro’ a gamba tesa nel mondo dell’arte, facendosi riconoscere nell’approccio concettuale dell’immagine e della sua fotografia si puo’ dire tutto fuorche’ sia banale. Da amante dell’arte moderna, trovo in Ghirri un interlocutore privilegiato, il suo approccio all’immagine perfettamente funzionale ad una visione laterale delle cose che corrisponde con esattezza al mio modo d’intendere.
Egli non focalizza il soggetto, lo tiene di sfondo o a margine della composizione. C’e’ sempre qualcosa o qualcuno che si frappone o lo interrompe ed una strada si vede attraversare da un’automobile, un muro solcare da una scritta, un panorama invaso da ignari escursionisti. Esiste una mediazione tra l’essere e l’apparire, talvolta un sostituto come per "Atlante" dove la stilizzazione declina il reale all’iperreale e nell’iperrealta’ Ghirri immerge un particolare ricostruendolo poi ancora piu’ grande. Nel processo i significati si moltiplicano, il linguaggio si frammenta, lo spazio si allarga verso nuove identita’ e i confini superano quelli imposti dal puro e semplice ritratto. Luigi Ghirri 1Percio’ una sua parete rivaleggia con Mondrian, una finestra con Malevic, cabine da spiaggia tassellano pattern inaspettati e allo stesso tempo sontuose montagne o architetture storiche si riducono a corsa sfrenata verso il kitsch. Gli scorci di vita comune, sono testimonianze di un’epoca e nel contempo rappresentazioni metafisiche dalle quali il tempo e’ strappato con un curioso effetto straniante e stupefacente, condendo tutto questo con una sublime ironia che e’ un viaggio a se’, una ulteriore chiave di lettura che si stratifica sui gia’ tanti livelli che compongono le sue fotografie.
Amo meno il Ghirri della seconda meta’ degli anni ’80 in poi, dove cio’ che guadagna in tecnica e compattezza dell’immagine, lo perde in fantasia e divertimento. Credo che egli fosse in una nuova fase della sua carriera che purtroppo non sapremo mai dove sarebbe approdata.
Fu un artista straordinario, anello di congiunzione tra arte astratta e figurativa, tra pittura e fotografia, le sue immagini una inesauribile fonte di spunti e d’idee. Straordinario.

Luigi Ghirri – Fotografia Europea 2014

One Response to Luigi Ghirri – Fotografia Europea 2014, Reggio Emilia 21-06-2014

  1. Pingback: Sarah Moon, Erich Lessing – Fotografia Europea 2014, Reggio Emilia 21-06-2014 | Ultima Visione

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: