La maledizione di Chucky – Don Mancini

La maledizione di Chucky"Chucky", un’idea ridicola su un concetto perfetto. Che l’ordinario spaventi piu’ dello straordinario, che l’innocenza terrorizzi piu’ del male, sono meccanismi oramai rodati e abusati. Basti pensare ai bambini mostri, i vicini killer, le nonne antropofaghe ma anche televisori posseduti, automobili psicopatiche, case indemoniate. Sotto questo aspetto ci sta anche la bambola assassina, sorprende semmai che il brand abbia proseguito dagli anni ’80, periodo che ha visto la luce di tante meraviglie ma non di meno boiate clamorose.
Ad ogni modo la bambola Chucky e l’animaccia del killer che la possiede, torna a far danni sterminando cio’ che resta della famiglia che in qualche modo provoco’ la sua morte e il relativo trasferimento dell’anima maledetta nel pupazzo grazie ad un rito voodoo. Tutto molto bello.
Il fatto e’ che 25 anni dopo quegli accadimenti, la bambola e’ ancora in giro a trucidare gente con un eccessivo accanimento.
Non cerco alibi e non e’ una scusa ma sia chiaro che non sempre ho il piacere di guardare film per conto mio ed essendo di indole estremamente generosa, talvolta cedo alle volonta’ altrui. La richiesta questa volta riguardava appunto la saga di Chucky, non so come si e’ partiti dall’ultimo capitolo ma tant’e’ .
Inutile girarci attorno, il film e’ ridicolo e sia chiaro, non e’ che ci si aspetti un thriller kubrickiano, solo mi domando a chi realmente un film come questo possa piacere. Forse l’adolescente dall’aurea gotica e tenebrosa che recupera i VHS del papa’ o forse l’odierno quarantenne che si fa una sorta di remember, accompagnato magari dai giovani eredi. Film totalmente fuori standard anche per il blando orrore statunitense, non spaventa ma soprattutto non possiede quella dose necessaria d’ironia atta a giustificare il nuovo episodio e cio’ valga per l’intera serie.
Devo dire di non aver mai amato troppo la saga di Chucky che peraltro ricordo per il primo capitolo e uno o due seguiti in ordine sparso, prontamente rimossi dalla memoria ma dubito che una stretta continuity avrebbe in qualche modo migliorato il mio giudizio.
L’unica cosa buona e’ Brad Dourif anche se andrebbe visto in lingua originale per godere della sua voce.
Inutile.

Scheda IMDB

7 Responses to La maledizione di Chucky – Don Mancini

  1. Francesca scrive:

    E pensare che da bambina questa bambola mi spaventava a morte – più che altro perché è pure brutta, orrenda, oltre che sboccata. Al momento sto iniziando ad aver paura delle nonne antropofaghe (in stile Rabid Grannies magari), comunque, mentre mi chiedo quanto ancora dovranno raschiare il barile prima di lasciare Chucky al suo triste destino (ma anche Robocop e compagnia cantante… grazie ai vari reboot, sequel eccetera eccetera).

    • Ricordati che la nonna sara’ la nuova frontiera dell’horror. Rifletti solo sui luoghi terrificanti nei quali potresti trovare una dentiera.
      Sappi anche che Robocop 3 e’ in coda di visione. E’ che non mi attento a riguardarlo…
      Ti scrive invece in merito a “1990: i Guerrieri del Bronx”. Devi sapere che io ero la prova vivente che il cinema clonato dei produttori italiani funzionava. Se su un’intera parete della mia cameretta capeggiava la maxi locandina di “1997”, piu’ piccola in basso c’era quella di “1990” filmazzo che gia’ a quel tempo non mi convinse ma il poster era il massimo, col richiamo al mio film preferito e in aggiunta un maranga in motocicletta. Il top.
      Insomma, a ‘sto punto mi tocchera’ rivederlo…
      PS: tra le altre locandine avevo “Arancia meccanica” ma anche “Incubus il potere del male” grazie alla donna nuda mascherata per passione per il cinema…

      • Francesca scrive:

        Mi ricordo di un film indecente in cui una tizia veniva portata alla follia facendole credere che esistesse il fantasma di non ricordo che altra tizia. Fatto sta che mentre è nel dormiveglia vede alcune cose appartenute alla defunta e sottolineate da un occhio di bue (già la cosa si fa triste): un lavoro a maglia non finito e una dentiera. La tizia a letto era terrorizzata, soprattutto dopo la dentiera. Che esempio meraviglioso di cinema spazzatura😀

      • Trattandosi di dentiera l’orrore si moltiplica e qui ti vorrei maschietto per lanciarmi in trivialissime battute a tema imparate da un sergente ai tempi della naja. Per ora godiamoci il pensiero.
        Ad ogni modo sappi che hai aperto le porte dell’inferno. Mi metto a scaricare…

      • Francesca scrive:

        Non parliamo di dentiere e uomini, m’è bastato “Yes man”😀 è stato praticamente un corso accelerato di battute da caserma (e pensare che volevo andare in marina, cavolo, vedi che mi sarei persa)

        Mi raccomando coi film, fai del tuo peggio🙂 nel frattempo io sto ancora pensando a un pezzo sui titoli storpiati dalla traduzione italiana, non l’ho dimenticato… i suggerimenti sono sempre bene accetti. Poi, ho messo in lista un certo filmone che non vedevo da tempo e di cui non sto a dire il titolo perché veramente, l’avrò citato un miliardo di volte)

      • Dopo la trasferta londinese sono ancora un po’ sfasato ma giuro che mi concentrero’ a fondo per scavare nell’orrore piu’ profondo della distribuzione italiana. Sappi intanto che “1990” e’ gia’ in mano mia…

      • Francesca scrive:

        Buon divertimento! intanto aspetto fiduciosa gli orrori che scoverai😀

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: