8 donne e mezzo – Peter Greenaway

8 donne e mezzoDopo "I racconti del cuscino", Greenaway e’ restato in Giappone, affascinato evidentemente dalla cultura di un popolo che di fatto eleva l’estetica praticamente al di sopra di ogni cosa e che senza alcun dubbio fa sentire a casa propria un artista come lui. Abbandonati temporaneamente gli abusi e gli sperimentalismi onestamente eccessivi del film precedente, finalmente torna a piu’ miti consigli con un cinema costruito maggiormente sul testo ma anche uno sviluppo che vuole essere omaggio del cinema d’autore come ben s’intuisce anche dal titolo.
Un ricco uomo d’affari acquisisce delle sale di pachinko a Tokyo  e nello stesso periodo resta vedovo dell’amata moglie, unico riferimento morale e sessuale della sua vita. La perdita lo avvicinera’ al figlio e insieme a lui percorrera’ nuove strade sulla via di un erotismo esotico e raffinato per un totale appunto, di otto donne e mezzo. Praticamente come disintegrare una carriera invidiabile con due film soltanto.
Che gli disse il cervello a Greenaway in quel periodo, non e’ dato saperlo, certo e’ che non si puo’ pensare che un film come questo potesse in qualche modo arrivare anche al piu’ benevolo degli spettatori e si badi bene, siamo anni luce avanti la tragedia che fu "I racconti del cuscino". La citazione a Fellini non si limita al titolo laddove entrambi hanno voluto esprimere un’idea edonistica e autoreferenziale ma l’abisso che separa le due opere divide l’autore inglese dal nostro connazionale in modo persino umiliante.
Sara’ l’assenza di humor o almeno di qualcosa che non puzzi d’enciclopedia, saranno le tesi uguali, su tutto la donna, ma tragicamente diverse nell’esposizione, onirico e solare il nostro, vizioso e viziato il secondo.
Sara’ anche che Greenaway non esce dai soliti cliché che alla lunga hanno stancato, ripetendo all’infinito le equazioni sesso-morte, sesso-carne-menomazioni, sara’ che manca totalmente ogni estetica degna di essere ricordata.
Poi insomma, va bene mettersi in piazza ma oltre un certo limite viene anche da dire che poi in fondo, non frega poi piu’ di tanto e comunque e’ sempre questione di contenuto e di stile che si sfascia nell’eccesso di particolari.
Che poi erotizzarsi con suore, donne gravide e prostitute a tempo pieno non e’ che poi sia questa fonte di originalita’.  E poi basta, basta uomini nudi…

Scheda IMDB

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: