Galleria d’arte moderna – Palazzo Pitti, Firenze 19-04-2015 (Parte I)

Palazzo Pitti - Telemaco SignoriniNon e’ che adesso ha tutto questo senso recensire Palazzo Pitti, anzi non ce l’ha per niente dal momento in cui primo, non ho le competenze per recensire alcunche’, poi perche’ e’ come riassumere o aggiungere informazioni utili chesso’ al Colosseo o Pompei. Oltretutto, come e’ ormai noto, sono interessato in particolar modo all’arte del ‘900 e mal sopporto le visite scolastiche a carrozzoni didatticamente inutili.
Date le premesse, che ci sono andato a fare quindi? Innanzitutto per cio’ che concerne la Galleria d’arte moderna, parliamo di opere del XIX e primissimo XX secolo, quindi rientriamo nel mio cerchio, poi confesso che la visita alla mostra su Boldini a Forli’, ha acceso un interesse particolare ai macchiaioli fiorentini, gruppo al quale appartenne e che verso la meta’ dell’800 diede una sferzata fondamentale verso il ben piu’ noto impressionismo francese al quale comunque preferisco gli antesignani nostrani.
Ecco quindi che un’antica struttura, antica di concezione intendo, con opere anche al di fuori del normale giro di mostre, puo’ divenire interessante.
Sale organizzate in ordine cronologico e cio’ mi piace, il contesto che dire, e’ storia essa stessa e nel centro del percorso che e’ anche il centro della storia del secolo decimonono.
Macchiaioli si diceva e macchiaioli sono stati con scoperte importanti, talvolta stupefacenti che i soli libri non hanno saputo regalarmi.
I chiaroscuri di Telemaco Signorini ad esempio vanno visti dal vero, serve sentire i colori di paesaggi e vedute, la plasticita’ dei corpi che pur colti nell’istante divengono figure cosmiche, iconiche. Cio’ vale per molti altri, Giovanni Fattori anzitutto ma anche nel meraviglioso Adriano Cecioni e le sue straordinarie sculture.
Purtroppo per ragioni ignote, manutenzione forse, le ultime sale quelle percio’ dei primi del novecento, erano chiuse e si e’ arrivati giusto ad un Boldini in ottima compagnia. A questo proposito, e’ vero che sulla biglietteria scorreva l’informativa di 5 o 6 sale chiuse, ma sono numero senza contesto per chi visita per la prima volta e sapendo che mancavano le ultime sale, ovvero gli inizi del secolo scorso, forse avrei evitato ma sono certo che pochi se ne saranno lamentati, per i motivi esposti sopra.
(Segue)

Scheda della sede e degli eventi

One Response to Galleria d’arte moderna – Palazzo Pitti, Firenze 19-04-2015 (Parte I)

  1. Pingback: Lino Mannocci, Galleria Palatina – Palazzo Pitti, Firenze 19-04-2015 (Parte II) | Ultima Visione

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: