Duo Zanetti-Zanotti live "E/O Le Alternanze Possibili" – San Giovanni in Persiceto 07-09-2015

Zanetti & ZanottiTrovo che classica e jazz stiano tra loro come marcia e bicicletta, incompatibili. Preparazione e stile di gara non solo diversi, spesso opposti se non inconciliabili eppure esistono discipline sportive come il triathlon che li accomunano e spesso gli atleti che eccellono in entrambi sono per buona ragione definiti superuomini.
Percio’ la distanza tra i due universi, musicali o fisici che siano, non solo non e’ incolmabile ma quando gli estremi si toccano, e’ pura poesia.
Walter Zanetti alla chitarra classica e Tiziano Zanotti al contrabbasso, vengono dal jazz il quale pur essendo molto, molto vasto, spesso i suoi musicisti escono dai recinti di genere e le contaminazioni si tingono di nuovi cangianti colori.
Cio’ avviene a maggior ragione quando si dedica una collaborazione ad un altro celebre duo, quello formato da Ralph Towner alla chitarra e Gary Peacock al contrabbasso, due nomi che nella loro storia ne trascinano altri come Bill Evans , Miles Davis, Weather Report, Keith Jarrett e talmente tanti altri da rendere superfluo ogni ulteriore citazione. Avevo gia’ ascoltato Zanotti e nel tempo l’ho seguito nelle tante collaborazioni e partecipazioni delle quali puo’ vantarsi ma ogni suo nuovo innesto offre una nuova prospettiva d’ascolto.
Comunque per entrambi il jazz e’ al centro di un mondo molto piu’ vasto percio’ li si sente a casa, piu’ libero nella forma e nell’improvvisazione il contrabassista, piu’ formale e strutturato il partner che conduce sui pezzi suoi e di Towner , mentre e’ Zanotti a far strada laddove il momento esige una maggiore liberta’ d‘esecuzione.
E’ davvero un viaggio che tocca tutti i continenti, quello americano da sud a nord perche’ la chitarra acustica vuole jazz e Brasile ma anche il contrabbasso nei ritmi latini s’esprime al meglio, reggendo gran parte la sezione ritmica e comunque i nomi sono Frisell, Abercrombie e Guinga, giusto per capirci
In effetti il duo come formazione e’ atipica, giusta per moderni Lieder quando di solito ci si posiziona su chitarra, piano e batteria ma anche l’atipicita’ contribuisce al piacere dell’ascolto e s’esalta nella bravura dei musicisti.
Questo che non e’ stata un’occasione unica, che diventi percio’ un invito per non perdere i loro prossimi concerti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: