Boldini e Filippo De Pisis (Ferrara 07-11-2015)

Boldidi e De Pisis a Ferrara - BoldiniQuest’anno Forli’ ha dedicato a Boldini una superba retrospettiva,  mostra nella quale si e’ potuto ammirare il lavoro lungo una vita di un artista che nel ritratto ha espresso il meglio del proprio stile.
Boldini nasce ferrarese ma muore di fatto parigino perche’ resto’ nella citta’ natale davvero pochi anni emigrando prima a Firenze con tutta l’esperienza macchiaiola per recarsi poi in Francia e rimanervi fino alla morte.
Il capoluogo emiliano non ha pero’ dimenticato il suo nobile figlio e nemmeno lo ha fatto con l’altrettanto importante Filippo De Pisis. Anch’egli abbandono’ Ferrara in giovane eta’ per recarsi in Francia e l’Inghilterra, non senza aver conosciuto De Chirico che tanta influenza ebbe su di lui.
Morira’ prematuramente in Italia ma nella Brianza, percio’ lontano dalla sua terra.
Boldini e De Pisis, sono legati da aria e terra, forze che trascendono generazione e stile, e’ giusto quindi che il Castello Estense di Ferrara dedichi loro un ampio spazio all’interno delle sale normalmente allestite alla storia della citta’ e dei sovrani che la regnarono. Boldini beneficia dell’l’onda lunga della mostra forlivese, De Pisis invece e’ in trasferta da quando il terremoto di qualche hanno fa ha richiesto la ristrutturazione dei museo a Palazzo Massari. Essendo la mostra abbinata al tour del castello, si possono godere di due visite anziche’ una, certo molto diverse ma piacevoli entrambe. Restando a Boldini e con l’esperienza della mostra precedente, e’ innegabile che ci troviamo di fronte a ben poca cosa in termini di quantita’ ma non certo per qualita’ perche’ seppur e’ vero che Boldidi e De Pisis a Ferrara - De Pisisil meglio e’ altrove, vi sono alcuni esempi formidabili tra i quali un autoritratto del 1911 ma soprattutto, superando in questo persino Forli’, si evidenzia il lato non ritrattista che normalmente lo si riconduce al periodo fiorentino ma si fa molto forte anche in eta’ avanzata, nonche’ un bel campionario di esperimenti con ritratti di ritratti, riflessi, nature morte e paesaggi. Non mancano frammenti, lettere, testi e qualche memorabilia.
Per De Pisis, la presenza e’ corposa e del resto come detto, parliamo del  trasloco di una esposizione in essere, percio’ gia’ strutturata e ben formata. Si evidenzia su tutto la celebre "la lepre" e dal primo periodo metafisico de "Le cipolle di Socrate", all’appartenenza agli Italiens de Paris, un classicismo che resta sulla superficie di un "ritorno all’ordine" solo sfiorato ed alternato alle celebri nature morte, con paesaggi he non perdono mai i connotati di una espressivita’ che va oltre le geometrie del ritratto malgrado l’essenzialita’ della "stenografia pittorica".
Un bell’appuntamento da non perdere quindi, Ferrara che si mette in mostra e ne ha di che essere orgogliosa.

Pagina ufficiale

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: