After Earth – M. Night Shyamalan

After EarthAvete presente quando l’umanita’ cattiva distrugge la Terra e ci fanno vedere grandi pennacchi di fumo nero dalle ciminiere e pennuti coperti da catrame? Ecco, l’incipit originalissssimo e’ questo. Solo per pochi secondi, perche’ lo scenario si allarga col racconto di una fuga in massa verso un nuovo pianeta, dove tutto pare perfetto non fosse che bestiacce aliene trovano gustoso pasteggiare con gli esseri umani. Un giorno pero’ qualcuno scopre che le bestie sono totalmente cieche e percepiscono la presenza delle loro vittime dalla paura che emanano, percio’ un uomo intrepido e’ per loro invisibile. E’ cosi’ che Cypher, Will Smith, diviene la prima vera arma di difesa e attacco. Anni dopo il giovane figlio, nella finzione e nella realta’, vuole seguire le orme del padre ma un atterraggio d’emergenza sulla vecchia Terra abbandonata ormai da mille anni, dara’ occasione ai due di conoscersi, combattere assieme e nel contempo sconfiggere oltre le avversita’ anche le loro paure.
Spesso parlando di Shyamalan, leggo tra le righe un sadico piacere a smontare tutto cio’ che fa, a prescindere da come lo fa. Cio’ basta a rendermelo simpatico e se e’ pur vero che ha preso delle cantonate spaventose ma chi prova e osa, anche sbagliando, ha comunque la mia approvazione. Entrando nel merito. Il film non e’ propriamente suo, non e’ suo lo script e anche la regia e’ coabitata dallo stesso Smith che l’ha voluto a dirigere. Vuoi vedere che l’ex principe di Bel-Air non aspettava altro per lanciare il figlio nel firmamento hollywoodiano?
Non sono un fan di Smith e per questa interpretazione s’e’ beccato ogni critica possibile, eppure non posso dire che mi abbia deluso, anzi per me il segno e’ piu’. Al contrario il figlio e’ terrificante.
Si dira’ che poverino e’ giovane ma gente anche piu’ giovane ha portato avanti interpretazioni da standing ovation e poi diciamocelo, non e’ che la sua carriera prosegua con chissa’ quale slancio.
In sostanza Shyamalan e’ solo un pretesto, l’operazione cade sul nepotismo pretese piu’ che regia e testo che pure hanno le loro belle colpe, leggi scemenze. Nel complesso mi sento meno severo rispetto altri e se non si raggiunge la sufficienza piena, nemmeno mi sento di stroncarlo senza pieta’. Ci si puo’ fare un giro.

Scheda IMDB

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: