Art City 2016, Bologna 27-02-2016 (terza parte)

Eccoci dunque all’ultimo appuntamento con Art City che quest’anno ho voluto seguire con particolare attenzione e programmazione accorta, spostando le visite di maggior permanenza nelle settimane successive alla fiera.
Mi spiace solo che cosi’ facendo non posso reclamizzare un evento se non alla sua conclusione ma i nomi restano e di occasioni ve ne saranno altre.

Pietro Poppi e la Fotografia dell’Emilia
Art city 2016 - Pietro PoppiLa tradizione emiliana della fotografia non e’ recente e neppure minima.
Tra Modena e Bologna gli esempi sono tanti e illustri e Pietro Poppi si unisce alla gia’ corposa famiglia di fotografi che hanno fatto la storia del territorio.
Nato nel 1833, con le sue immagini ha raccontato Bologna ma non solo. mirando al territorio, alle strade, le chiese e i palazzi, anche i suoi abitanti s’intende ma lo sguardo punta al contesto, muri e persone come un insieme organico, la polis nella sua accezione piu’ nobile. Ne viene fuori si un ritratto storico ed estremante affascinante di cio’ che Bologna era oltre un secolo e mezzo fa ma altrettanto l’aspetto antropologico e sociale non e’ da meno.
Incantevole il contesto della Biblioteca d’Arte e di Storia di San Giorgio in Poggiale, impreziosita ulteriormente da alcune opere riconoscibilissime di Claudio Parmiggiani, bellissime come sempre, perfettamente contestualizzate ed integrate nella biblioteca. Luogo e opere d’indubbia eccellenza.

Teatro dei prodigi – Marina Gasparini, Serena Piccinini e Silvia Urbini
Art city 2016 - Teatro dei prodigiL’ultimo appuntamento e’ al Museo di Palazzo Poggi, luogo straordinario nel quale arte, vita e scienza s’incontrano nelle storiche sale che fin dal ‘700 raccolgono collezioni di reperti scientifici, esperimenti e le fenomenali cere anatomiche. Inoltre vi sono le sale di architettura militare, modellistica navale e arte orientale, insomma un luogo di meraviglie passate che in occasione di Art City si fondono con l’ingegno delle tre protagoniste. L’operazione non e’ nuova ma quando riesce i risultati sono efficacissimi e qui sono riusciti per tutte e tre le artiste. La flora ricamata di Marina Gasparini troneggia gigante sulla sala di Storia Naturale, figure organiche e immobili come le creature congelate nel tempo esposte nelle lunghe teche in penombra. La continuita’ e’ totale, la simbiosi perfetta al punto da sperare in una collocazione permanente. Diverso ma altrettanto efficace l’intervento di Serena Piccinini, che affianca alle collezioni di coralli, pietre, conchiglie, le sue piccole, dettagliatissime, colorate creature di carta, lavori minuziosi e certosini sospesi tra fantasia e entomologia, non senza uno spiccato senso dello humor.
L’ultimo intervento riguarda il video realizzato da Silvia Urbini intitolato "Teatro delle cere" che ripercorre nel tempo l’uso delle cere e delle sculture in relazione coi soggetti ritratti, le celebrazioni degli antichi romani passando per le icone dell’inizio del secolo scorso nel quale la maschera diviene doppio, la morte anonima si trasforma di celebrita’ in vita, fino ai simulacri dickiani di "Blade runner". Un armadio raccoglie fotogrammi, disegni e animazioni, il testo e’ una narrazione leggera, sognante tra glitch elettronici e ambient di sottofondo.
C’e’ molto Greenaway, specie quello da "Le valigie di Tulse Luper" in poi, finalmente pero’ senza una sterile stilizzazione ma ben ancorato ad una narrazione ottimamente strutturata.
Tre artiste giovani e brave, un sospiro di sollievo per un futuro un po’ piu’ roseo di quanto si teme, tre riferimenti da seguire con attenzione in futuro.

Pietro Poppi
Evento Teatro dei prodigi
Museo di Palazzo Poggi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: