Dvorak, Strauss, Tchaikovsky dirige Dmitri Liss (Bologna 04-03-2016)

Dvorak, Strauss, Tchaikovsky, Dmitri LissVoglia di sinfonica dal vivo e il Teatro Comunale di Bologna, non fa mancare mai le giuste occasioni. La sede e’ il Teatro Auditorium Manzoni, luogo che ormai conosciamo bene per i tanti pregi e qualche difetto. Dirige Dmitri Liss, russo, laureato al conservatorio di Mosca, molto celebre in patria, si sta facendo largo sulle scene occidentali e torna a calcare i palcoscenici bolognesi per una serata che vede protagonisti Dvorak, Strauss e Tchaikovsky. Compositori contemporanei anche se piuttosto diversi, sospesi tra romanticismo, classicismo e l’inarrestabile onda wagneriana, tutti e tre a modo loro fortemente legati a un accentuato espressionismo che si manifesta attraverso il poema sinfonico, il mezzo piu’ elevato a disposizione per esprimere la forte passionalita’ e grande tecnica che ha reso la loro musica immortale.
Si inizia con Dvorak e l’"Holoubek"  Op. 110. Sara’ che mi sto appassionando a Dvorak al quale nessuno nega i meriti ma al quale andrebbero ugualmente riconosciuti onori piu’ importanti ma e’ quella che ho preferito.
L’opera 110 e’ drammatica, poi gioiosa e ancora drammatica, ampissimo ventaglio di emozioni che nella mani del compositore ceco si trasformano in stati emotivi esaltanti e terribili, un girotondo attorno alla vita, al destino, le gioie e i dolori che essi riservano. Forte la presenza di Wagner ma altrettanto forte e’ il legame alla sua terra che nei momenti piu’ lieti emerge fortissima. Liss ha la giusta energia, il grado di passione per far emergere tutto questo pur restando coi piedi per terra e senza troppi eccessi.
Anche Strauss ha una storia da raccontare ed e’ quella del "Don Juan" Opera 20. Pur essendo a tutti gli effetti un poema sinfonico, il compositore tedesco punta a descrivere del Don Giovanni l’essere piuttosto che il fare, mettendo in primo piano gli stati d’animo, la maschia esaltazione e il tenero trasporto. Tolta la bellezza della composizione e l’equilibrio dell’orchestrazione, e’ proprio l’aspetto emotivo che emerge e che ancora una volta Liss sa trasmettere all’orchestra e al pubblico. Pubblico tra l’altro letteralmente entusiasta della "Suite n. 3" Opera 55 di Tchaikovsky, opera gioiosa scritta nel momento piu’ fortunato della sua travagliata vita e tutto quanto arriva nei cuori e nelle orecchie di chi ascolta, persino nel trasporto dell’orchestra che scivola senza fatica sotto la direzione costantemente emotiva ma precisa di Liss. A proposito dell’orchestra del Comunale di Bologna, devo ripetere i complimenti perche’ poco ha a che invidiare ad ensemble anche piu’ blasonati, nessuna sezione inferiore alle altre con una mia particolare predilezione per i violoncelli, i fiati e un gruppo ritmico con molto da dire e completamente all’altezza. Liss e’ direttore mirato su questo tipo di composizioni e nulla ho da eccepire alla sua direzione, anche il Teatro Manzoni la cui acustica e’ fin troppo precisa e asciutta, ben si e’ prestato all’energia dei concerti.
Posti praticamente esauriti e sala soddisfatta, non e’ mancato davvero nulla.

Pagina Evento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: