Insurgent – Robert Schwentke

InsurgentPer chi e’ poco sul pezzo come me, "Insurgent" e’ il seguito previsto, pianificato, inevitabile di "Divergent", tratti a loro volta dall’ennesima e omonima saga letteraria.
Il secondo capitolo si apre dove era terminato il primo, col colpo di stato di una delle fazioni che reggono le sorti della civilta’ dopo l’ennesima catastrofe, la protagonista supereroina che non appartiene a nessuna di queste caste, anzi appartiene a tutte essendo divergente e sara’ proprio la sua "divergenza" a renderla preda dalla cattiva Kate Winslet che vuole il potere assoluto, grazie ad una specie di scatola magica, che solo un divergente potra’ aprire.
Questa volta alla regia non c’e’ Neil Burger ma tanto non si vede. Schwentke e’ un mestierante senza infamia e senza lode, una specie di caporeparto nella catena di montaggio, gli interpreti sono bellini e cio’ basta ed avanza.
Quello che non va, peggio ancora del primo capitolo e’ un testo scritto, pensato e strutturato per i teenager e fino qua niente di male. Film e libri per ragazzi esistono da sempre ma un tempo erano opere adulte pensati per far crescere i piu’ giovani, oggi si scrive per lasciarli minori, o con una punta di sospetto, "minorati" il piu’ a lungo possibile.
Si sapeva, lo sapevo che era cosi’, mi ha annoiato non disgustato ed e’ gia’ un risultatone.
Del resto ha guadagnato benissimo percio’ hanno ragione loro
Al prossimo capitolo.

Scheda IMDB

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: