Superstudio, La vita segreta del Monumento Continuo – Gabriele Mastrigli

Superstudio - Vita segreta monumento continuoLa mostra al PAC dedicata a Superstudio di pochi mesi fa, ha lasciato un segno profondo nella memoria e la voglia di andare oltre, approfondire ancora di piu’ il movimento dell’architettura radicale in generale ma nello specifico Superstudio come entita’ rappresentante un movimento la cui influenza si estende ancora oggi, quantomeno nell’idea del ripensare l’architettura attraverso la critica sociale, la declinazione politica, riprogettare l’ambiente in funzione dell’uomo e non viceversa. L’idea non e’ nuova, in Le Corbusier troviamo il padre nobile che non a caso influenzo’ enormemente Adolfo Natalini uno dei fondatori. In tutto questo l’arte, la pittura, la fotografia, la letteratura, la fantascienza in particolare, ebbero un peso enorme, anzi fu proprio l’insieme eterogeneo di gusti, attitudini e preferenze a fare la differenza con le altre realta’ del tempo. Vero anche che gli anni furono quelli giusti per essere innovatori e rivoluzionari e quel 1966 come anno di fondazione non deve sorprendere cosi’ come non sorprende che il 1973 e’ da considerarsi la fine di un’esperienza seppur formalmente protratta sino agli anni ’80. A raccontarci tutto questo sono i protagonisti di quegli anni, i fondatori e membri effettivi del gruppo che attraverso le interviste di Mastrigli, ripercorrono vita e carriera, successi ottenuti. Risulta evidente come le diverse personalita’ ricordino e interpretino quegli anni in modi differenti, esprimendo in fondo quella diversita’ dalla quale e’ scaturita l’energia del gruppo. Adolfo Natalini, Cristiano Toraldo di Francia e Gianpiero Frassinelli, la loro e la nostra storia, tutto qui. Molte le illustrazioni, purtroppo in bianco e nero e assolutamente incapaci di restituire la complessita’ dei lavori del Superstudio, a stento raccontano l’utopia dei loro progetti ma in fondo e’ un testo che si apprezza e si approccia ad argomento noto. Un capitolo imperdibile della nostra cultura.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: