Quinto Potere (libro) – Sam Hedrin (Paddy Chayefsky)

Quinto Potere (libro) - Sam HedrinSgomberiamo il campo da ogni dubbio, Sam Hedrin non si sa chi sia e che c’entri con "Quinto potere". E’ probabilmente un galoppino come tanti che per qualche strana ragione ha trovato il nome sulla copertina ma questa novellizzazione resta un lavoro di Paddy Chayefsky.
"Quinto potere", nell’originale "Network" diretto nel 1976 da Sidney Lumet, film col quale Chayefsky vinse il terzo Oscar in carriera. Mori’ giovane, nel 1981 a soli 58 anni e chissa’ come avrebbe commentato il decennio ’80, dopo aver saputo leggere i ’70 alla perfezione, anzi li interpreto’ talmente bene da essere ancora oggi uno dei pochi testimoni ad aver compreso sino in fondo la natura sociale, politica ed economica dell’Occidente.
Non voglio parlare del testo, dico solo che dentro c’e’ tutta la realta’ che ci circonda, l’orrore che avvolge l’individuo impotente innanzi il potere dell’economia che ha annullato ideologie e nazioni, nel capitalismo che attraverso il socialismo ha realizzato il sogno ecumenico di un grande mondo unito, dove tutti sono felici, quelli che comprano gli smartphone e quelli che li vendono, le catene di abbigliamento tutte uguali, sempre quelle in ogni singola citta’ del mondo civilizzato, il cibo che ovunque tu vada ti fa sentire sempre a casa. Volete comprendere le multinazionali? Eccole. L’Europa delle banche? Eccola. Il comunismo dei Rothschild? Qui pure lui. Ci sono poi i politici del Twitter, quelli abbronzati oltreoceano e i burattini della tradizione toscana qua da noi e c’e’ la televisione o internet ovviamente, quella dei "pensate ai bambini" ad intermittenza, quella delle guerre sante, solo alcune non altre, quelle delle "costituzioni migliori del mondo" che fanno tanta cultura. No, non manca nulla. Lo script e’ qui e cosi’ il film, caso raro in cui un’interpretazione da giganti, perche’ tutti sono giganti, viene messa in secondo piano dal testo.
Peccato per la traduzione di Andrea Terzi, tendenzialmente scadente ma soprattutto scritta senza tenere conto della versione italiana del film, oltretutto piu’ aderente al testo originale nel senso e nella sintassi.
Comunque nulla va perduto, la grandezza non si perde dentro le parole messe male.
Un testo fondamentale del XX Secolo. Punto.

2 Responses to Quinto Potere (libro) – Sam Hedrin (Paddy Chayefsky)

  1. Vanni scrive:

    Anche io l’ho letto da poco e concordo con te.
    Al di là di chi sia questo Hedrin (su Internet nessuna notizia – avevo cercato anche io – probabilmente era un copywriter scritturato per l’occasione), il libro è essenzialmente la sceneggiatura di Chayefsky, con piccoli inserti narrativi poco rilevanti. E la sceneggiatura è assolutamente geniale.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: