Giappone segreto – Parma 28-05-2016

Giappone segreto 1Che la cultura giapponese sia meno sconosciuta di quanto ci si potrebbe aspettare, e’ una realta’ consolidata per molti di noi. Grande influenza l’hanno avuta cartoni animati e manga, il cinema tantissimo, sia quello ambientato ai giorni nostri o wuxia che nella loro fantasia hanno comunque impresso un immaginario di un passato alieno e meraviglioso. Nella seconda meta’ dell’800 avvenne che l’Occidente si riverso’ in massa verso l’Oriente, preannuncio della futura colonizzazione – non e’ ancora chiaro chi sia il colonizzatore e il colonizzato – in uno scambio bidirezionale di informazioni, cultura, abitudini, tecnologie e quant’altro.
Avvenne cosi’ che per sorpresa e curiosita’, uno stile di vita compenetro” nell’altro, mutando le parti in gioco in modo irreversibile. La mostra presente al Palazzo del Governatore di Parma, assume quindi un’importanza capitale perche’ da un lato coglie aspetti di una civilta’ che fino ad oggi abbiamo visto riprodotta in migliaia di pellicole ma soprattutto ci mostra la cultura giapponese ancora vergine, gli ultimo scampoli di purezza prima che il progresso col suo carico di bene e di male, la trasformasse in qualcosa di diverso.
Giappone segreto 2Come accade da sempre, pare che il Giappone accetti con fin troppa sudditanza l’invasione altrui, in realta’ a ben vedere, il loro e’ un assorbire cio’ di cui necessitano per piegarlo ed adattarlo secondo i loro usi. Percio’ un’espressione non ancora artistica come la fotografia, diviene nelle mani nipponiche una tavolozza sulla quale gli artisti possono intervenire, coi colori soprattutto ma non di meno con la grazia e la poetica che li contraddistingue. Immagini destinate al turista divengono percio’ veri e propri dipinti di commovente bellezza, sia che si tratti di luoghi da sogno o persone che lavorano o si divertono. Uomini e donne, donne soprattutto, quelle che lavorano nei campi, in cucina, le immancabili geishe, esse stesse grazia e delicatezza. Strade, alberi, montagne e persone, tutto come ci siamo sempre immaginati, riconoscibili in dipinti che non a caso i curatori accostano a molte fotografie. Tanti sono gli aspetti della societa’ e della cultura giapponese del tempo, inclusa la religione, il teatro, i samurai, la natura, molta natura col denominatore comune dello stupore e della bellezza.
Storia e arte, estetica di un popolo che delle forma ha fatto etica. Non resta molto tempo per visitare la mostra, sino al 5 Giugno ma assieme a Parma, e’ una visita che merita.

Sito evento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: