Lo and Behold – Werner Herzog

Lo and BeholdChe Herzog sia tra i piu’ grandi registi al mondo non lo dico solo io, che sia il piu’ grande documentarista in circolazione, non conosco il parere di altri ma e’cosi’ che la penso. E’ il migliore perche’ anzitutto e’ un tecnico fenomenale ma non di meno,il suo stile o dovrei dire metodo per raccontare storie e’ unico.
Egli non esprime opinioni o meglio lo fa a modo suo, col montaggio, le inquadrature, a volte ponendo un particolare in primo piano o un cambio di prospettiva. L’approccio non e’ mai didascalico ma lo sforzo di usare nuovi linguaggi e’ la costante che lo caratterizza. Soprattutto pero’ ed e’ qui la differenza con un Piero Angela qualunque, Herzog affronta un argomento ponendo domande, mai fornendo risposte, percio’ i suoi documentari non si dimenticano, li si conserva dentro e restano a lungo nei pensieri, ci si sente coinvolti e parte attiva. Quando poi l’argomento e’ qualcosa di profondamente intrecciato nel quotidiano e nelle abitudini di ognuno di noi come internet, allora si esce dalla sfera delle curiosita’ e si entra nella cronaca.
Herzog segmenta l’argomento in 10 capitoli, le origini per iniziare e si finisce col futuro. In mezzo il bene che la rete offre ma anche il male, sposalizio imprescindibile, dualita’ inevitabile.
Internet guidera’ l’umanita’ su altri pianeti ma sara’ anche causa della disintegrazione dell’individuo. Forse e’ vero che in futuro si pensera’ a questi decenni come ad un nuovo medioevo, il cambiamento e’ epocale e l’umanita’ e’ ad una svolta. Come andra’ a finire? Herzog a modo suo ce lo dice, o almeno ci dice cosa potra’ salvarci.
E’ un ottimista per certi versi.
Concettualmente il film e’ superbo malgrado e’ da dire, sia il meno herzoghiano di tutta la sua produzione, un documentario nel quale la mano del regista e’ piu’ leggera e la sua impronta si fa vedere solo a tratti. Non e’ una critica ma una semplice constatazione. Comunque da vedere, da pensare.

Scheda IMDB

Advertisements

One Response to Lo and Behold – Werner Herzog

  1. Pingback: Keaton (04-03-2017) – Marco Dalpane, Cinema Teatro Galliera, Bologna | Ultima Visione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: