Mario Cresci La fotografia del no, 1964-2016 – GAMec, Bergamo 09-04-17

GAMeC - Mario CresciNon conoscevo Cresci prima di questa esposizione, sapevo pero’ che la avrei trovata al GAMeC e certo non dico no ad una mostra fotografica. Leggo la scheda informativa sulle pagine della Galleria, scheda peraltro ben dettagliata sulle varie sezioni e sul lavoro di Cresci, nonostante cio’ la sorpresa e’ stata enorme.
Cresci, classe 1942 artista e fotografo, anagraficamente avvantaggiato per aver vissuto nel fiore degli anni le avanguardie degli anni ’60 e in tormenti del decennio successivo. Parliamo del 68 e’ ovvio cosi’ com’e’ ovvio tutto quanto avvenne fino al 77 mentre lui era li’ a respirarne l’atmosfera e buttarsi in prima persona nella mischia. Soprattutto pero’ ne apprese il linguaggio, la sintassi, anche la voglia di rivoluzionare tutto, l’idea e il suo evolvere in nuovi percorsi. I suoi anni migliori quindi? Si, del resto lo furono di molti ma Cresci e’ un artista che ha continuato e continua ancora oggi con tenacia a reinventare spazi e immagini, anche reinventare se stesso. Non sono poche le opere ridisegnate, reingegnerizzate talvolta, riviste, mai corrette, espanse quello si. Se parlassimo come giornalisti imbecilli, diremmo Cresci 2.0. "Geometria Natuiralis", l’opera che ci accoglie nella prima sala, e’ un perfetto esempio di come un progetto iniziato nel 1975, si possa concludere perfettamente nel 2001 integrando nuovi elementi che ridefiniscono il senso originale dell’opera lasciandolo pero’ immutato nella stratificazione di significati. Insomma, mi aspetto un fotografo e trovo un artista e con questo non voglio dire che un fotografo non lo sia, semmai al contrario e’ qualcuno che usa la fotografia come uno strumento qualsiasi, chesso’ un tipo di pigmento o un materiale specifico per scolpire. La fotografia come mezzo non come fine, qualcosa di grezzo da raffinare, piegare, sagomare fisicamente come la serie "Baudelaire" o sintatticamente come in "Attraverso l’arte". Senza alcun dubbio una gran bella scoperta per me che non lo conoscevo, la conferma di una vitalita’ intellettuale che con gli anni cresce e migliora con grandi spazi ancora da percorrere e che da oggi, non mi faro’ mancare.

Pagina ufficiale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: