Sibelius, Mullova, Mariotti – Teatro Comunale di Bologna, 22-04-2017

Sibelius, Mariotti, MulovaSeratona questo sabato al Comunale di Bologna, per un evento annunciato e confermato nella sua importanza. Con leggerezza ho acquistato i biglietti "solo" tre mesi prima e cio’ non mi ha salvato dal finire in ultima fila. Da un lato mi rende felice perche’ con una nazione oramai allo sfascio nei servizi essenziali, di certo non ci sono soldi per cultura, teatri e Bologna non e’ da meno con un’ulteriore sforbiciata che qualche mese fa un delegato dell’orchestra ha denunciato con viva preoccupazione. Quindi ottimo il tutto esaurito o quasi e una lezione per me che non devo prendere sottogamba questi concerti. Sibelius diretto da Mariotti e tante volte s’e’ detto come il giovane direttore sia oramai un beniamino della citta’ e non senza ragione devo dire. Evento nell’evento, il "Concerto per violino ed orchestra in re minore op. 47" e’ lasciato nelle graziose mani di Viktoria Mullova e il suo Stradivari del 1723, accoppiata ben piu’ che vincente. La sua esecuzione e’ ineccepibile su un concerto che ricordiamolo, e’ di straordinaria difficolta’. anzi Sibelius che fu un valente violinista dovette nel tempo semplificare una partitura quasi impossibile da eseguire. La Mullova comunque fa sembrare tutto facilissimo. Secondo movimento persino noioso ma ci pensa col terzo a dar prova di straordinaria bravura. Ineccepibile, una fama davvero meritata, cosi’ come lo sono state le ovazioni del pubblico.
Meno soddisfacente invece la "Sinfonia n. 2 in Re maggiore op. 43", si puo’ dire la celebre tra le sinfonie del compositore finlandese.
Opera retorica? Forse ma al senso epico unisce la dolcezza di temi dolcissimi e allo stesso tempo straordinariamente aperti a variazioni energiche ed esplosive. Su tutti il 4o movimento, quello piu’ emblematico nell’interpretazione di Mariotti che per quasi tutta la sinfonia si limita ad una visione eccessivamente romantica, poco incisiva anche nell’orchestrazione per poi esplodere alla fine in un tripudio di archi e fiati. Lo stesso Mariotti pare in qualche modo ravvedersi di tanta precedente calma che conclude sfinito ed in effetti e’ solo negli ultimi minuti che pare dare all’opera la giusta sferzata. Sarebbero interessanti altre opinioni in merito…

Pagina uffciale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: