Fotografia Europea 2019 – Reggio Emilia 11-05-2019 (parte 2)

Fotografia Europea 2019 - Spazio Gerra

Spazio Gerra

Fotografia Europea 2019 - Horst P Horst

Horst P. Horst

Fotografia Europea 2019 - Famiglie

Famiglie. Un mondo di relazioni

Vincenzo Castella

Vincenzo Castella

Annunci

Jean Dubuffet, l’arte in gioco – Palazzo Magnani, Reggio Emilia 23-02-2019

Dubuffet 1

Dubuffet 2

Pagina ufficiale

Fotografia Europea 2018 – Reggio Emilia 26-05-2018 (parte 2)

Fotografia Europea 2018 - Spazio U30cinque

Spazio U30Cinque

Fotografia Europea 2018 -Elio Ciol

Elio Ciol

Fotografia Europea 2018 -Stanislao Farri

Stanislao Farri

Fotografia Europea 2018 -Lorenzo Tricoli

Lorenzo Tricoli

Fotografia Europea 2018 - Sex & Revolution

Sex & Revolution

Fotografia Europea 2018 - Luca Campigotto

Luca Campigotto

Fotografia Europea 2018 - Clement Cogitore

Clement Cogitore

Kandinsky ->Cage – Palazzo Magnani, Reggio Emilia 25-11-2017

 

Palazzo Magnani, Wassily Kandinsky Palazzo Magnani, John Cage

 

Pagina ufficiale

Cesare Zavattini e Paul Strand – Palazzo Magnani, Reggio Emilia 08-07-2017

Cesare Zavattini e Paul Strand 1

Cesare Zavattini e Paul Strand Berengo Gardin

Cesare Zavattini e Paul Strand - Ghirri

Pagina ufficiale

Liberty in Italia – Palazzo Magnani, Reggio Emilia 07-01-2017

Liberty in ItaliaParlare di Liberty significa allargare il discorso dall’Italia all’Europa, comprendendo storia, filosofia e arti diverse, declinare in tante sfumature cio’ che altrove fu definito Art Nouveau o Jugendstil, modern style includendo arte, letteratura, architettura, interni, filosofia e parlare comunque di un generale mutamento del senso estetico che passa dalla pittura e arriva al manifesto, uscendo da gallerie e musei giungendo quindi nel cuore della vita quotidiana.
Semmai il problema parlando di Liberty e’ concentrarsi su un unico aspetto o come nel caso della mostra a Palazzo Magnani, fermarsi all’Italia che ha attinto a piene mani da cio’ che arrivava dal resto del mondo non senza dare il proprio contributo ovviamente. Mostra organizzata per sezioni, 300 opere divise tra pittura, scultura, arte decorativa, molta grafica e architettura che tante belle testimonianze ha lasciato nelle nostre citta’. I nomi sono innumerevoli, gran parte di essi importanti, alcuni sorprendenti sapendoli in anni successivi impegnati in altre cose e in altri stili e penso a due su tutti come Boccioni, Casorati. Vi sono cose pregevolissime, incantevoli guardando soprattutto la grafica ma anche in pittura dove si ebbero interpreti importanti seppur di rimando a cio’ che proveniva da oltreconfine, Klimt in particolare. Ci si meraviglia a riscoprire nel Liberty tracce che ancora oggi ritroviamo nell’illustrazione ad esempio, quanto il gotico e il fantasy ancora attingano a man bassa alle regole a suo tempo fondate, dando percio’ un’aurea di modernita’ ben lungi dall’essere superata. Tutto quanto e’ ben spiegato dalla guida audio compresa nell’ingresso, giusto grado di narrazione e nozione, una delle migliori che mi e’ capitato di ascoltare. Begli ambienti, clima ben curato, illuminazione decisamente da migliorare in sale cha capisco complicati ma talvolta si e’ costretti a strane acrobazie nella ricerca della giusta angolazione. Il personale cortese e la liberta’ di fotografare fanno comunque da contraltare ai pochi aspetti negativi dell’esposizione.
Fino al 14 Febbraio 2017.

Pagina ufficiale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: